Da anni pedinava, minacciava e perseguitava la ex

CARABINIERI controlloASSISI – L’uomo, rumeno di 45 anni, non si rassegnava alla fine di una relazione e così, invece di provare a farsene una ragione, ha deciso di concentrare sforzi ed energie nel perseguitare la donna, a cui era stato legato per alcuni anni e che già dal 2009 aveva deciso di lasciarlo. Dopo una relazione avuta, durata sette anni e terminata definitivamente nell’estate 2012, per volere di lei, l’uomo non si è rassegnato alla decisione ed ha iniziato dapprima ad infastidirla, per poi perseguitarla sistematicamente.

Telefonate a tutte le ore del giorno e della notte, appostamenti sotto la sua abitazione, pedinamenti, minacce, danneggiamenti e dispetti di ogni genere erano diventati sempre più frequenti, tanto che la donna è stata costretta a richiedere i primi interventi ai Carabinieri di Assisi fin dal 2009. Negli ultimi tempi, il 45 enne inoltre, non si rassegnava a rinunciare a quelle azioni persecutorie, a quel disturbo reiterato e quella difficoltà, diventata paura quotidiana, generata nella vittima e sembrava non conoscere tregua o limiti di alcun tipo.

Così, nonostante vari tentativi falliti di riportare l’uomo alla calma e di fargli assumere comportamenti più consoni – tentativi mossi da parte dei carabinieri a seguito delle continue denunce della vittima,- l’uomo ha continuato a perseguitarla con comportamenti via via sempre più minacciosi e violenti.

In varie occasioni, ancora, il rumeno ha tentato di entrare nella sua abitazione con delle scuse e di nascosto, tanto da provocare nella sua ex compagna il fondato timore per la propria incolumità e costringerla a cambiare le proprie abitudini di vita ed abitazione nel corso degli anni. L’uomo, rintracciato dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Assisi, è stato arrestato a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Autorità Giudiziaria di Perugia e tradotto nel carcere di Perugia – Capanne a disposizione dell’A.G.

 

 

  (178)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini