PER LA PRIMA VOLTA DIVIDENDI AI SOCI NUOVO TAGLIO ALLA TARI, RIDOTTA DELL’11 PER CENTO NEL BIENNIO 2016-2017. BACCHETTA: “RISULTATI ECCELLENTI: L’OBIETTIVO E’ L’AUTOSUFFICIENZA”

1CITTA’ DI CASTELLO – “In un contesto umbro difficile come quello attuale, gli eccellenti risultati di Sogepu emergono con ancora maggior rilievo e sottolineano il valore di un percorso finalizzato al raggiungimento dell’autosufficienza nella gestione dei rifiuti, al quale come amministrazione abbiamo dato una cornice politica che l’azienda, con il suo management e tutti i suoi lavoratori, ha saputo portare a concretezza con scelte e investimenti fatti nell’interesse dei cittadini”.

E’ il commento con il quale il sindaco Luciano Bacchetta ha annunciato insieme all’assessore all’Ambiente Massimo Massetti, al presidente di Sogepu Cristian Goracci e al direttore Ennio Spazzoli che l’utile netto di 177 mila 768 euro con cui è stato chiuso il bilancio 2016 per la prima volta nella storia sarà distribuito dall’azienda come dividendo ai Comuni soci Città di Castello, San Giustino, Citerna, Gubbio, Montone, Pietralunga e Monte Santa Maria Tiberina. Grazie all’ulteriore riduzione di circa 370 mila euro dei costi dei servizi erogati per il Comune di Città di Castello, che si aggiungerà al taglio di 400 mila euro già effettuato nel 2016, l’amministrazione comunale inoltre sarà in grado di abbassare del 3 per cento la Tassa sui Rifiuti (TARI), a carico in particolare delle famiglie, con una diminuzione complessiva del tributo dell’11 per cento nel biennio 2016-2017 per effetto della positiva gestione dell’azienda.

A beneficiare dell’intervento saranno circa 17 mila utenze domestiche del servizio di raccolta dei rifiuti, che sostengono oltre il 55 per cento del costo complessivo delle prestazioni. “Siamo perfettamente in linea con il nostro piano industriale che prevede il 15 per cento di riduzione della Tari nel triennio”, ha puntualizzato Goracci, che ha preannunciato dati economico-finanziari in ulteriore miglioramento nel 2017 “nel quadro di un’azione dell’azienda che, come dimostra il recente accordo con la Vus, è finalizzata alla tutela dei cittadini e al perseguimento della sostanziale autonomia gestionale del territorio”.

Attraverso la sinergia della rispettiva impiantistica per il periodo 2017-2018, l’intesa con la Vus consentirà di ottimizzare il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti provenienti dai 30 comuni serviti dalle due aziende, pari al 30 per cento delle municipalità regionali, escludere il trasferimento fuori regione delle frazioni provenienti dal trattamento del rifiuto indifferenziato raccolto nei territori di competenza ed evitare l’aumento delle tariffe applicate agli utenti. Con un investimento di 700 mila euro per il potenziamento della raccolta differenziata nei comuni serviti, completamente a costo zero per i cittadini, Sogepu ha raggiunto a Città di Castello la quota del 58 per cento (+ 7 per cento da novembre 2016) e nel 2017 lavorerà in sinergia con il comune di Città di Castello per il traguardo del 65 per cento.

“Punteremo a una nuova campagna nelle scuole di ogni ordine e grado e sull’appropriatezza dei conferimenti, attraverso la sensibilizzazione degli utenti e controlli sulla corretta adozione delle procedure previste”, ha evidenziato l’assessore Massetti. “L’aumento della raccolta differenziata si accompagnerà all’incremento della capacità di smaltimento e trattamento dei rifiuti a Belladanza – ha osservato Spazzoli – grazie agli investimenti per 13 milioni di euro che abbiamo avviato nel 2016 per il potenziamento del sito, la costruzione dell’impianto di trattamento del rifiuto indifferenziato e della frazione organica umida con produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili”.

In questo contesto, Sogepu ha proceduto anche alla realizzazione di un impianto di depurazione delle acque di falda per bonificare l’inquinamento risalente alla vecchia discarica in attività negli anni ’80, che, come è stato ribadito nella conferenza stampa, non rappresenta un pericolo per la popolazione. (126)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini