Chiude in bellezza, venerdì 31 marzo, alle 21, la stagione del Teatro degli Illuminati

1CITTA’ DI CASTELLO – Fuochi d’artificio, stelle cadenti, le onde dell’oceano, creature sottomarine incandescenti, ballerini che volano in aria, magia e illusione, per Night Garden lo spettacolo di danza che chiude in bellezza la Stagione del Teatro degli Illuminati di Città di Castello, venerdì 31 marzo, alle 21. A portarlo in scena la compagnia Evolution dance theater che da un decennio, presenta spettacoli che affascinano e ipnotizzano il pubblico, in Italia e all’estero, riscuotendo grandissimo successo attraverso un’originale fusione di danza, acrobazia e effetti visivi.

Da una varietà di strane creature si libera nello spazio fondendosi e separandosi una dall’altra. Una speciale tecnica di luce nera esalta l’emozione di figure che misteriosamente galleggiano, volano, rimbalzano e scompaiono. Una performance fresca e coinvolgente che tiene viva l’attenzione del pubblico, risultando accessibile a grandi e piccini.

Gli interpreti sono attori, ginnasti, ballerini, illusionisti, contorsionisti, atleti e artisti. Le nuovissime e vibranti coreografie di Anthony Heinl, accese nei colori e nei toni immaginifici, rappresentano un grande quadro elettrico in cui le diverse “energie” danno vita a stimoli e sensazioni sorprendenti e inaspettate.

Un’ atmosfera onirica nella quale viene rivisitato il concetto di verità e lo stupore nel percepire l’esistenza di altri modi di vedere.

Illuminazione futuristica, scenari interattivi e una fusione perfetta di diverse discipline per creare mondi fantastici e incredibili effetti visivi.

“Bisogna vedere per credere!”

Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.

E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

  (118)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini