1TERNI – Un fine settimana ricco di appuntamenti significativi tra il Caos-Museo Archeologico e Carsulae, con la rassegna del Sistema Museale Ternano A Terni Non Succede Mai Nulla, a cura delle coopsociali Actl e Alis, Indisciplinarte e Civita Cultura. Domenica 2 aprile sarà dedicata al ricordo e alla memoria grazie a Sono Nata a Primavera, una passeggiata storico-naturalistica che si muoverà tra Carsulae e Portaria lungo il sentiero “Noemi Spoldi”. L’appuntamento è curato dalla Fondazione Noemi Spoldi in collaborazione con la Pro Loco di Portaria.

L’appuntamento è alle 10,45 presso il parcheggio di Carsulae. Si arriverà fino a Portaria dove la Pro loco organizzerà un pranzo in piazza. Alle 14,30 i ragazzi del Servizio Civile Nazionale accompagneranno i partecipanti in una visita del centro storico.

Dal ricordo e dalla natura si passa all’arte, con una nuova mostra che si muove tra suggestioni, storia, passato e presente: sarà la Città Eterna la protagonista indiscussa del nuovo appuntamento ospitato dal Caos_Museo Archeologico. Si svolgerà sabato 1° aprile alle 17,30, infatti, l’inaugurazione della personale di Elia Cosimi “Roma Stratificata/Frammentata/Inclusiva”, mostra che sarà visitabile fino a domenica 7 maggio.

Una mostra “didattica”, come ama definirla l’artista, che va ad abbracciare non solo le suggestioni e la bellezza di Roma, ma anche la sua storia e i suoi cambiamenti: “Le oltre trenta opere in mostra vogliono superare l’estetica in sé esaltando la storia della città – dice Elia Cosimi -, ciò che è stato mantenuto e ciò che è stato sviluppato, guardando al costruito sul costruito e agli elementi antichi inglobati a quelli successivi”.

Un passato che ritorna e che viene raccontato dalla pittrice con la volontà di far conoscere i monumenti e la loro evoluzione – anche grazie a delle didascalie che spiegano struttura e caratteristiche di edifici e monumenti – facendo sì che i visitatori escano dalla mostra arricchiti negli occhi e nella mente.

 

La mostra sarà visitabile dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00.

 

Importante ricordare come la mostra permetta di continuare un percorso che vede il Caos_Museo Archeologico al centro di iniziative di alto rilievo culturale e artistico.

 

Impossibile, in tal senso, non ricordare la mostra, appena conclusa, dedicata a Doriano Galli, “Il mio mondo…Labirinto dell’Anima”: oltre 600 visitatori hanno reso omaggio a un artista che, come ha evidenziato il curatore, il professor Paolo Cicchini, “rappresenta senz’altro una delle più grandi figure artistiche degli ultimi trent’anni. Un ternano che andava ricordato attraverso un’esposizione che, potremmo dire, ci ha permesso di compiere un’operazione di tipo archeologico – in linea con il luogo che l’ha ospitata – ridando vita a ciò che si era tentato di nascondere”.

 

Ma non c’è stata solo arte, ultimamente, al museo archeologico: altra bella esperienza è stata la mostra “Ammoniti attraverso il tempo” che, in tre mesi, ha chiamato a raccolta oltre 1300 visitatori che hanno potuto osservare da vicino circa 300 fossili di ammoniti provenienti da tutto il mondo.

 

La mostra, nata dalla collaborazione tra la gestione museale della città e l’associazione Gmp Gaia, è stato esempio concreto di come la sinergia tra le diverse realtà territoriali possa dar vita ad appuntamenti partecipati e di indubbio interesse.

 

Soddisfazione sia da parte dell’assessore alla Cultura del Comune di Terni Tiziana De Angelis, che ha espresso grande soddisfazione per come si stia lavorando in stretta sinergia tra l’amministrazione pubblica e il privato per la valorizzazione del patrimonio museale ternano, sia da parte dei responsabili della gestione degli spazi: “Il successo di questi appuntamenti – afferma il presidente di Alis Stefano Notari – ci fa capire che stiamo percorrendo la strada giusta, grazie a collaborazioni significative, a professionalità importanti che operano ogni giorno all’interno degli spazi museali e ad una bella integrazione di spazi, opere e reperti”.

  (97)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini