Forte interesse degli operatori e grande attesa per il pubblico dei visitatori alla 49a edizione della fiera

1BASTIA UMBRA – Apertura cancelli e taglio del nastro alle 9, presso il centro congressi di Umbriafiere a Bastia Umbra, per la 49a edizione di Agriumbria. Da quel momento e per tre giorni (la fiera prosegue fino a domenica 2 aprile) l’Umbria sarà al centro del Paese per quanto riguarda i temi legati all’agricoltura, alla zootecnia e all’agroaliomentare. Tante le aziende e le eccellenze nazionali e regionali presenti in fiera, molti gli operatori e gli addetti ai lavori che terranno incontri e convegni tecnici su nuovi modelli di business, sostenibilità, modelli di impresa agricola e agrozootecnica, mercati interni e internazionali. Tante la presentazioni di nuove macchine e soluzioni; diverse le anteprime di nuove filiere e di prodotti del sistema agroalimentare. Presenti anche delegazioni straniere, a dimostrazione della qualità degli espositori e degli incontri. Presente anche la Fiera agricola di Verona (la più antica fiera d’Italia sul tema) che ha scelto proprio Agriumbria per presentarsi e incontrare gli operatori.

2All’inaugurazione interverranno Fernanda Cecchini, assessore alle Politiche agricole della Regione Umbria; Lazzaro Bogliari (nella foto), presidente Umbriafiere Spa e Stefano Ansideri, Sindaco del Comune di Bastia Umbra. La 49° edizione si preannuncia come un’edizione ancora più ricca: la mostra mercato, che vedrà oltre 420 espositori in rappresentanza di oltre 2.500 aziende e industrie presenti o rappresentate dalla rete commerciale, offrirà una panoramica generale e organica dell’innovazione tecnologica raggiunta nei differenti settori merceologici. La manifestazione si conferma come uno dei momenti centrali per l’imprenditoria e l’industria agricola e agrozootecnica nazionale e umbra, un evento capace di attirare addetti ai lavori e pubblico davvero da tutta Italia.

Si svolgerà anche la più grande rassegna zootecnica d’Italia e ci sarà la possibilità di visitare diversi saloni specializzati su food, macchine agricole, alimentari e per i settori enologia e olivicoltura. La fiera è diventata nel corso degli anni anche una vera e propria festa popolare per gli umbri e non solo. Famiglie con bambini per ammirare gli animali (oltre 600), i trattori e le macchine agricole, la mostra dei trattori d’epoca; golosi che arrivano per le eccellenze gastronomiche delle diverse regioni italiane, ma anche appassionati di fiori e piante rare, di giardinaggio e di vita all’aria aperta. Entrata ormai negli appuntamenti preferiti dal pubblico, la manifestazione si caratterizza anche per i numerosi eventi dedicati ai consumatori. Molti infatti saranno gli incontri e gli show cooking dedicati ai corretti stili di vita, pensati per informare e ragionare sulla qualità dei prodotti della terra.

IL PROGRAMMA DI VENERDÌ 31 MARZO: progettare un’azienda agro-zootecnica sostenibile in permacultura. Un’iniziativa fortemente voluta da Agriumbria e che ha visto l’immediata collaborazione del Dipartimento (DSA3) perugino. Premiazione dei vincitori del Premio Antonio Ricci per il giornalismo e lo studio dell’agricoltura, concorso dedicato a uno dei giornalisti più noti e apprezzati del settore. I premi saranno consegnati a Riccardo Di Giulio nella sezione tesi di laurea e a Sandro Capitani di Radio Rai nella sezione giornalistica.

Presentazione Eima Show Umbria, tecnologie in movimento, prove in campo per mostrare le applicazioni dell’agricoltura di precisione. Una novità assoluta per il mercato umbro e non solo.

Presentazione razze e specie esposte. Incontro su allevamento del bovino da carne: un approccio multifattoriale, a cura dell’Associazione italiana allevatori (AIA). Workshop l’agricoltura, dal campo alla rete web, promosso dall’Associazione giovani agricoltori (ANGA).
Sistemi di gestione avanzati in olivicoltura organizzato da Assoprol. La manovra di Bilancio e la competitività delle imprese agricole promosso da Coldiretti Umbria e Cooperare per Innovare in Agricoltura: dalla Mis 124 del PSR 2007-2013 alla Mis. 16 del PSR 2014-2020 organizzato dal Parco 3A-PTA. (140)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini