In manette un ragazzo ed una ragazza di origine ecuadoregna, ma residenti a Perugia

carabinieri-assisi-0ASSISI – Le attività di prevenzione e vigilanza poste in essere dai militari della Compagnia Carabinieri di Assisi in ordine alla repressione dei reati predatori hanno dato nuovamente i loro frutti. Un ragazzo ed una ragazza di origine ecuadoregna, ma residenti a Perugia, verso le 18.00 circa del 28 marzo 2017, sono entrati in un negozio di telefonia di Santa Maria degli Angeli dove, approfittando della momentanea assenza del commesso, sono riusciti a rubare un telefono cellulare del valore di oltre trecento euro, per poi allontanarsi all’arrivo dell’addetto alla vendita che, accortosi di quanto accaduto, ha subito dato l’allarme chiamando i Carabinieri di Assisi.

Le immediate ricerche degli autori del furto, hanno portato dopo pochi minuti al rintraccio ed all’arresto dei due giovani in procinto di allontanarsi a piedi nelle vie vicine.

Decisive sono state le immagini del circuito di videosorveglianza del negozio dove si è verificato il furto, che hanno ritratto i due ignari giovani proprio mentre si impossessavano del telefono cellulare.

Tra l’altro, uno degli autori del furto era anche una vecchia “conoscenza” dei Carabinieri del Pronto Intervento a Perugia e quindi è stato possibile identificarlo.

Accompagnati presso il Comando Compagnia Carabinieri di Assisi, i due giovani sono stati tratti in arresto in attesa del processo.

 

 

  (117)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini