“Il Naso” e “La vera storia di Pierino e il Lupo” In occasione del centenario della Rivoluzione russa. Domenica 9 aprile ore 17 Auditorium San Domenico

1FOLIGNO – “Nei tempi bui, sono gli artisti a dare speranza, a farci riflettere e, nonostante tutto, a sorridere. Più forti dell’ottusità e della ferocia del potere, l’altro ieri, ieri, oggi.” Lo scrive Sandro Cappelletto, giornalista, scrittore, storico della musica che sarà “in scena”, autore dei racconti e voce narrante, con il pianista Marco Scolastra per il concerto “Chi è il Lupo? Due favole russe” domenica 9 aprile ore 17 all’Auditorium San Domenico di Foligno.

Sarà una prima assoluta, un’importante commissione degli Amici della Musica per il secondo appuntamento dedicato al centenario della rivoluzione russa che propone, attraverso la rilettura contemporanea di due note fiabe, scritte al tempo dello zar l’una, in epoca stalinista l’altra, un’analisi dei totalitarismi, dell’abuso di potere contro la libertà, di qualunque tempo e matrice essi siano.

Risultato, un concerto di parole e musica, intenso e profondo che il “Duo Cappelletto – Scolastra” interpreterà per la prima volta di fronte al pubblico del San Domenico. Dove tra l’altro non faranno mancare la loro presenza anche i due celebri compositori, Fabrizio De Rossi Re autore della musica della prima fiaba “Il Naso” composta con dedica speciale a Marco Scolastra, e Matteo D’Amico, a cui si devono gli interventi originali sulla musica di Prokof’ev per la fiaba “La vera storia di Pierino e il Lupo”.

“Componendo le musiche per la versione trasfigurata de “Il naso” di Sandro Cappelletto, liberamente tratta da Gogol, ho cercato di amplificare la surreale e graffiante “denuncia dell’ottusità zarista” resa moderna e tragicamente attuale dalla scrittura incalzante e visionaria di Cappelletto.” Sono le parole che De Rossi Re dedica a “Il naso”, trasformato per l’occasione in melologo per voce recitante e pianoforte liberamente tratto dal racconto di Nicolaj Gogol (1834). A cui seguirà “La vera storia di Pierino e il lupo” per voce narrante e pianoforte, elaborazione del testo di Sandro Cappelletto dalla favola musicale “Pierino e il Lupo” di Sergej Prokof’ev (1936) – fu lo stesso compositore a scrivere testo e musica – proposto a Foligno con interventi musicali originali di Matteo D’Amico.

E a proposito di “Pierino e il lupo”, la domanda che mai lascia la rilettura di Cappelletto – e che gira agli ascoltatori – è: “La più amata “favola sinfonica per bambini” è soltanto un’innocente storiella per far prendere ai ragazzi confidenza con gli strumenti dell’orchestra, o un testo a chiave da decifrare?” E sul palco la fiaba, divenuta “La vera storia di perino e il Lupo”, si srotolerà, seminerà indizi utili a decodificare, comprendere, cogliere il senso profondo di un racconto che può condurre a svolte impreviste, ad una lettura meno innocente e più politica di quel lupo e degli altri protagonisti.

Così il concerto, che è anche parte del Progetto scuole, andrà in replica per i ragazzi degli Istituti superiori lunedì 10 aprile, ore 11, sempre al San Domenico.

Per i biglietti è già attiva prevendita online – www.amicimusicafoligno.it -, oppure presso la sede dell’Associazione Palazzo Candiotti Largo Frezzi nei giorni martedì e giovedì dalle 10.30 alle 12.30. Il giorno stesso del concerto all’Auditorium San Domenico dalle ore 15.

 

 

  (96)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini