E' un 30enne cittadino italiano, residente nel comprensorio folignate, già noto alle Forze dell’Ordine

1FOLIGNO – Fermato mentre scende dal treno per un controllo, sperando di non essere individuato, dà falso nome. E’ l’esito dell’ultima attività di controllo del territorio condotta in porto dagli agenti della Polizia Ferroviaria della Sezione di Foligno. Ad “incappare” negli accertamenti un 30enne cittadino italiano, residente nel comprensorio folignate,già noto alle Forze dell’Ordine, che ha fornito agli agenti il suo esatto cognome, ma un diverso nome. Un espediente inefficace che, almeno nelle intenzioni dell’uomo, doveva servire a celare la sua reale identità.

Ma soprattutto aveva lo scopo di non far scoprire le limitazioni a suo carico imposte per legge. Il 30 enne, infatti, ha l’obbligo di dimora nel Comune di residenza. Imposizione che, scendendo da un treno proveniente da Perugia, ha di fatto violato. E’ scattata quindi la denuncia in stato di libertà per l’ipotesi di reato di false attestazioni a pubblico ufficiale e la segnalazione per l’inottemperanza al divieto di allontanamento dal Comune di residenza. Gli accertamenti, comunque, non sono conclusi anche perché si stanno approfondendo i motivi per i quali l’uomo abbia violato l’obbligo di dimora. (137)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini