1PERUGIA – Nei giorni venerdì 21 e sabato 22 aprile, alle ore 21, il Teatro di Figura di Perugia di Via del Castellano ospiterà la seconda edizione di Miniatures, evento nazionale di danza contemporanea diretto da Eloisa Mirabassi e organizzato da Tieffeu in collaborazione con la compagnia tedesca Dinjte Dance.
Alla rassegna partecipano 11 giovani coreografi, selezionati tramite un bando nazionale, i quali presenteranno i loro “Assoli”di danza contemporanea.  Le performance  sono delle vere e proprie miniature coreografiche, ovvero delle mini opere che si contraddistinguono per il carattere innovativo e sperimentale, per la forza del messaggio e l’intensità del rapporto con lo spettatore.

Alcuni di questi 11 giovani coreografi si sono formati ed hanno lavorato con importanti centri di danza europei e si stanno affermando in ambito nazionale ed internazionale.  La rassegna Miniatures vuole essere una piattaforma di lancio di nuove esperienze coreografiche  ed un ponte tra Italia e Germania.  Miniatures è infatti partner europeo del festival “Essenziale”, che si svolge ogni anno ad Essen, in Ottobre.

La rassegna nasce da un’idea di Eloisa Mirabassi, coreografa e danzatrice perugina, che 21 anni fa si è trasferita in Germania per studiare alla Folkwang Hochschule di Essen, celebre Accademia dove Pina Bausch ha lasciato un’ indelebile eredità. Oggi Eloisa Mirabassi lavora stabilmente ad Essen, fondatrice di Dintje Dance, svolge attività coreografica e di insegnamento, dirige il festival “Essenziale” e non ha perso i legami con Perugia. Il suo impegno è di lanciare Miniatures come un punto di riferimento per la giovane danza contemporanea italiana.

Per informazioni e prenotazioni,  chiamare al numero 075/ 5725845

La rassegna Miniatures sarà accompagnata dal 18 al 22 aprile da Masterclasses per danzatori o studenti di danza, che si svolgeranno presso il Centrodanza di via Pievaiola.

Per maggiori informazioni relative alle Masterclasses: eloisamirabassi@web.de miniatures2017.wordpress.com (166)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini