AFFIDATO IN PROVA AL SERVIZIO SOCIALE GUIDAVA SENZA PATENTE IN COMPAGNIA DI UN ALTRO PREGIUDICATO. OCCULTATI NELL’AUTO, UN PIEDE DI PORCO E UN CACCIAVITE

0810304300_658446_controllip_6572325_mediumPERUGIA – La pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine li ha fermati ieri sera, poco prima della 15:00 a Madonna Alta, a bordo di una vettura con targa italiana. I due manifestavano da subito segni di insofferenza ed agitazione che non sfuggivano agli agenti. Alla domanda dei poliziotti di esibire la patente, il conducente, un rumeno di 26 anni con numerosi pregiudizi per reati contro il patrimonio, stupefacenti e inerenti la circolazione stradale, dichiarava di non averla.

Gli accertamenti evidenziavano che il titolo gli era stato ritirato per guida sotto l’effetto di stupefacenti e successivamente sospeso a tempo indeterminato con provvedimento del Prefetto di Perugia del marzo scorso.

Decidendo di approfondire i controlli su entrambi, i poliziotti procedevano a perquisizione che dava esito positivo: nell’auto, infatti, occultati nel portabagagli e nel porta oggetti, gli agenti rinvenivano un piede di porco della lunghezza di 71 cm ed un cacciavite di oltre 24 cm.

Sanzionato per guida con patente sospesa, il rumeno è stato denunciato a piede libero per possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. L’auto, di proprietà della madre dello straniero, veniva sottoposta a fermo amministrativo per tre mesi. (53)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini