BLOCCATO ED ARRESTATO DALLA POLIZIA 47ENNE PERUGINO PREGIUDICATO

pol-4ASSISI – Per mettere a segno l’ennesimo colpo, un ladro seriale di elemosine questa volta ha scelto una delle chiese più importanti di Assisi. Questa volta, però, l’avventura è finita male perché il parroco, seduto negli ultimi banchi a pregare, si era accorto di lui, notandolo armeggiare in modo sospetto proprio davanti alla cassetta delle elemosine.

Richiamato a gran voce dal sacerdote, l’uomo, sentitosi scoperto, si dava alla fuga uscendo velocemente dalla Chiesa ed allontanandosi sperando di averla fatta franca. Il parroco però, tenace e volitivo, si metteva al suo inseguimento, aiutato da alcuni agenti della locale Polizia Municipale, che si trovavano per motivi di servizio proprio davanti al Santuario, riuscendo ad intercettarlo all’interno di un vicino garage dove aveva trovato momentaneo riparo.

Grazie agli agenti del Commissariato P.S. Assisi diretto dal Vice Questore Aggiunto della P.d.S. Francesca D. DI LUCA, prontamente intervenuti sul posto in ausilio, l’uomo veniva finalmente bloccato e identificato. Si trattava di un 47enne, perugino, già noto alle FFOO per i suoi numerosi precedenti specifici che gli sono valsi anche diversi provvedimenti di foglio di via dal Comune di Perugia.

L’uomo colpiva con arnesi da scasso e con un metro a scatto alla cui estremità aveva apposto del nastro bi-adesivo. Negli ultimi anni aveva sottratto denaro dalla cassetta delle elemosine, tra gli altri, del Santuario di Collevalenza a Todi, di Madonna dei bagni, di Mongiovino a Tavernelle, di Madonna di Fatima a Città della Pieve; nel 2014, in provincia di Arezzo, aveva colpito persino la cassetta delle offerte posta vicino al libro delle firme in occasione di un funerale.

Insomma un vero e proprio habituè dei luoghi di culto. Gli agenti di polizia, a seguito di perquisizione personale, rinvenivano all’interno del borsello la somma di circa 55 euro in banconote di piccolo taglio e in diverse monete; veniva altresì trovato l’“arnese del mestiere”.

Tratto in arresto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria veniva condotto a Perugia presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo. Avviata nei suoi confronti la procedura per l’emissione del divieto di ritorno nel Comune di Assisi. (111)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini