Presentato ieri pomeriggio al cà Rapillo il giornalino di classe, tenuto a battestimo dal capitano dei carabinieri Angelo Zizzi. Il sindaco Landrini e la preside Maria Grazia Giampè hanno elogiato il lavoro del giornalista Gilberto Scalabrini

1-premiazione-classer-v-aSPELLO – Grande festa al cà Rapillo, un pomeriggio tutto per i 65 giornalisti in erba, gli alunni delle classi quinte dell’istituto comprensivo di Spello. I bambini hanno ricevuto il colorato attestato di partecipazione al corso di giornalismo e protezione civile. Ad applaudirli c’erano anche i genitori che hanno sfogliato con grande interesse il giornalino di 24 pagine realizzato dai ragazzi. A tenere il battesimo il tabloid è stato il capitano dei carabinieri Angelo Zizzi, comandante la compagnia di Foligno, il quale ha portato il saluto del colonnello Paolo Piccinelli, che era impegnato per la visita del ministro degli Interni Marco Minniti a Todi.

2-premiazione-classe-v-bIl sindaco, Moreno Landrini, nel suo saluto, ha sottolineato come nelle 24 pagine del giornalino ci sono tante immagini, tanti disegni e tanti articoli che celebrano con orgoglio il percorso compiuto durante l’anno scolastico con il giornalista e disaster manager Gilberto Scalabrini. «Sotto la linea del visibile –scrive il sindaco su “Giornaleggiamo”- c’è molto di più. Quanto? Gli oggetti toccati, visti, rappresentati, fotografati, nominati, disegnati, i diversi modi di parlare, gli incroci tra il nostro tempo e il loro tempo, i sorrisi, le emozioni, che lasciano il segno, creano sinapsi, accendono i neuroni, preparano alla vita».

3-premiazione-classe-v-cDurante la consegna degli attestati, le tre classi hanno fatto un grande tifo per i loro compagni. E si è notato come nelle classi ci sono già quelli che hanno conquistato un posto da leader. Soddisfatta anche la dirigente scolastica, Maria Grazia Giampè, e le insegnanti Paola Falcinelli e Marina Paci. «I nostri ragazzi –ha detto la Giampè- insieme al giornalino ci hanno regalato un supplemento d’anima, fatta di sforzi, di condivisione e di gioia nel realizzare qualcosa insieme».

45

 

  (457)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini