Il giocatore: porterò con me bei ricordi di Perugia, il derby vinto momento indimenticabile

1CORCIANO – “Siamo ancora molto delusi per come è andata a finire visto il buon campionato che abbiamo fatto. Ci tenevo a raggiungere un obiettivo che era alla nostra portata. Ma è proprio da quanto di buono fatto che bisogna ripartire. Sicuramente porterò con me dei bei ricordi di Perugia: è stata un’annata molto intensa con momenti veramente indimenticabili come il derby vinto a Terni. E poi mi ha fatto molto piacere il grande affetto dei i tifosi e la fiducia che tutti hanno riposto in me durante l’intero l’anno”.

aCosì Jacopo Dezi ha salutato la città di Perugia e i tifosi biancorossi, prima della sua definitiva partenza, in occasione della cerimonia di premiazione del trofeo ‘Miglior grifone Gioielleria Bartoccini’ che si è svolta nel punto vendita Bartoccini del Quasar Village, a Ellera di Corciano, venerdì 2 giugno. Il venticinquenne centrocampista di origini abruzzesi si è aggiudicato, infatti, la 17esima edizione del trofeo promosso dal Coordinamento Perugia clubs avendo conquistato sette tappe nel corso della stagione, una in più del portiere Alberto Brignoli e due in più di Matteo Brighi arrivato terzo in classifica.

bDezi entra quindi di diritto nell’Albo d’oro del trofeo in cui già ci sono campioni del calibro di Ravanelli e Miccoli. A consegnare al giocatore il premio, una coppa e un orologio Glycine personalizzato con il logo del Perugia calcio, offerto dallo sponsor della manifestazione, sono stati Mauro Trampolini, presidente del Coordinamento Perugia clubs, e Marco Scocciolini, direttore della Gioielleria Bartoccini.

“L’epilogo non è stato dei migliori – ha commentato Trampolini – anche perché credevamo nella promozione. Resta comunque una stagione molto positiva e speriamo il prossimo anno di fare un po’ meglio”. “È stata una stagione veramente bella – gli ha fatto eco Trampolini –. Ci siamo riavvicinati al calcio, abbiamo visto bellissime partite e ci siamo entusiasmati, ma d’altronde esistono anche gli avversari. È stato un peccato veder perdere una partita con tanti tifosi.

Ci riproveremo il prossimo anno. Siamo, però, veramente contenti di aver premiato Jacopo, una persona perbene, con una grande sensibilità, che di questi tempi non è facile trovare”. “L’atteggiamento della squadra – ha aggiunto Emanuele Guerrieri, addetto stampa del Centro coordinamento – non è mai stato remissivo, l’andamento della stagione è stato positivo e come tifosi siamo soddisfatti.

Jacopo Dezi ha dimostrato di appartenere a un’altra categoria per carattere, impegno e personalità. Tatticamente ineccepibile, è un giocatore aggressivo ma con una grande visione di gioco, con capacità di natura interdittiva ma anche un buon costruttore, insomma un ottimo fantasista in mezzo al campo e penso ci mancherà, come uomo e come calciatore”.

In concomitanza con la consegna dei riconoscimenti a Dezi, è stato premiato anche Carlo Minestrini, tifoso estratto a sorte tra tutti coloro che nel corso del campionato hanno partecipato alle votazioni del ‘miglior grifone’. “Abbiamo messo in palio per i tifosi – ha spiegato Scocciolini – un bellissimo orologio con lo stemma del Perugia calcio, disegnato e fatto produrre da noi. Un ‘grifo’ da portare sempre al polso come simbolo della nostra passione calcistica”. “Il trofeo – ha, infine, dichiarato Trampolini – è in continua crescita, con circa 400/500 tifosi che ogni settimana prendono parte alle votazioni. Le ultime novità introdotte sono state molto apprezzate e ne stiamo vedendo i risultati”. (139)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini