E' anche occasione di riflessione e confronto sui risultati conseguiti nell’anno trascorso: perseguito il 72% del totale dei delitti consumati nella Provincia, ossia 4.923 su 6.830, scoprendone 1.007

1TERNI – Lunedì 5 giugno 2017, con inizio alle ore 18.00, alla presenza delle massime autorità provinciali, verrà celebrata la ricorrenza del 203° Annuale della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri presso il Comando Provinciale Carabinieri di Terni. Nel corso della cerimonia verranno anche premiati i militari che si sono distinti in particolari operazioni di servizio.

Come tradizione la “Festa dell’Arma” è anche occasione di riflessione e confronto sui risultati conseguiti nell’anno trascorso dalla precedente celebrazione. Nel periodo in esame i reparti dipendenti dal Comando Provinciale hanno perseguito il 72% del totale dei delitti consumati nella Provincia, ossia 4.923 su 6.830, scoprendone 1.007. Confrontando i risultati ottenuti dalle 30 Stazioni, dai 3 Nuclei Operativi e Radiomobile delle Compagnie e dal Reparto Operativo del Comando Provinciale nel periodo “maggio 2015 – aprile 2016” con quelli del “maggio 2016 – aprile 2017” emerge che l’Arma ha:

  • denunciato complessivamente 1.064 persone;
  • arrestato 118 persone contro le 82 dell’anno precedente;
  • mantenuto sostanzialmente costante il numero dei servizi di controllo del territorio (073 del precedente periodo di riferimento e 22.324 gli attuali) che, attraverso una incessante attività di coordinamento, ha comunque contribuito ad un consistente aumento dell’attività operativa dei Reparti.

Nell’ultimo anno è stata infatti posta particolare attenzione al fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti ed è stata avviata un’energica attività di contrasto che ha visto coinvolte sia le componenti operative che quelle territoriali e speciali, come i Nuclei Cinofili. Le relative attività hanno permesso di conseguire risultati assolutamente importanti portando, a corollario di molteplici attività d’indagine, al sequestro di ben 635,7 kg di sostanze stupefacenti.

Inoltre, anche mediante l’attuazione del piano coordinato di controllo del territorio in ambito provinciale, è stato registrato un decremento delle rapine che sono passate dalle 19 del precedente periodo (8 delle quali con autori noti) alle 12 di quello in corso (7 delle quali con autori noti). Per quanto attiene i furti, nel periodo in esame, è stato registrato un tenue decremento di quelli denunciati presso i Reparti dell’Arma operanti nell’intera provincia (2.589 nel periodo in esame contro i 2.643 di quello precedente) pur rilevando, contestualmente, un lieve aumento del fenomeno nell’ambito del comune capoluogo (da 1.926 a 2.024 ovvero +5 %).

Nel periodo in esame il contrasto alla criminalità diffusa ha permesso di conseguire numerosi risultati operativi, tra i quali si evidenziano: Maggio 2016 – Omicidio di Sandro BELLINI, la cui autovettura bruciata veniva rinvenuta a Terni da una pattuglia dell’Arma in un’area boschiva di località Marmore. L’attività d’indagine sviluppata dagli investigatori del Comando Provinciale congiuntamente al personale della Compagnia di Terni e della stazione di Piediluco e con l’indispensabile supporto delle componenti specialistiche dell’Arma (cinofili, sommozzatori, elicotteristi ed analisti del R.I.S.), ha permesso in pochi giorni di recuperare nelle acque del fiume Velino il cadavere della vittima assicurando alla giustizia l’autore dell’efferato delitto maturato per motivi di natura sentimentale.

Giugno 2016 – Esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla locale Procura nei confronti di 7 dipendenti comunali del Comune di Stroncone. L’indagine condotta dall’Arma dal novembre del 2015 con l’adozione di metodologie tradizionali e tecniche, faceva emergere, da parte del personale dell’autoparco di quell’ente, una serie di comportamenti illeciti reiterati tali da portare all’emissione della misura cautelare.

Nella mattinata del 5 giugno 2017, inoltre, alle ore 08:30, presso l’omonima rotonda di Terni, il Comandante Provinciale deporrà una corona di fiori ai piedi della targa in memoria del Carabiniere Raoul Angelini, fatta installare per iniziativa della locale Sezione ANC che parteciperà alla cerimonia. Al militare, caduto per mano dei nazi-fascisti il 1° giugno 1944 nella località Pianezze del comune di Morro Reatino (RI) è intitolata anche la caserma sede di questo Comando Provinciale. (340)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini