Venerdì 9 giugno p.v. alle ore 17 presso l’abituale Caffè Letterario della Biblioteca Comunale, il Gruppo Archeologico DLF di Terni chiuderà la stagione di attività in corso con un incontro di grande suggestione

Layout 1TERNIE’ ormai prossima la conclusione della quindicesima stagione di attività del Gruppo Archeologico, che, ancora una volta, si è rivelata appassionata ed entusiasmante. In questo presente così incerto, l’associazione si propone di riaccendere una luce sulla cultura, sull’arte, sul quel passato così inatteso ed emozionante ma sempre tanto nascosto, celebrando i grandi personaggi da cui è stato caratterizzato, riesumandoli dall’oblio, rendendoli finalmente vivi, concreti, apprezzabili.

Venerdì 9 giugno p.v. alle ore 17.00 presso il Caffè Letterario della Biblioteca Comunale, ci attenderà l’ultimo incontro con: “Nera Marmora: l’usignolo, la gabbia, l’addio”, magistralmente tenuto da Francesco Giordanelli, Presidente Associazione Amici della Lirica, vero, profondo sostenitore e conoscitore di tale genere teatrale e la partecipazione di Vincenzo Policreti, laureato in Giurisprudenza e Psicologia, amante del teatro, autore dell’omonima pièce teatrale e musical lirico, con i quali potremo rivivere quell’epoca d’oro del bel canto, quell’estrema vivacità culturale che la nostra città attraversò a fine Ottocento, periodo in cui toccò livelli altissimi e prestigiosi grazie anche alla splendente figura di questa soprano, dal nome d’arte così intimamente legato ad essa e la cui mitica vicenda si rivela intrisa di passione e malinconia.

Una donna, un’artista raffinata, tra le più apprezzate e celebri a livello mondiale nei primi decenni del Novecento, prematuramente scomparsa e troppo rapidamente dimenticata, la cui vita breve fu caratterizzata non solo da una trama straordinaria e da una profonda volontà di emergere, ma da un’ascesa impreziosita da grandi e clamorosi successi, la cui celebrità varcò i confini nazionali, incrociando destini di artisti estremamente prestigiosi. (70)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini