giancarlo-balzariniFOLIGNO – Non è stato ancora reso noto il referto dell’esame autoptico sul cavallo morto del rione Morlupo. Stiamo parlando del purosangue Wind of Passion, l’eroe del campo de lo giochi. Gli esami autoptici sarebbero stati eseguiti presso la clinica veterinaria di Perugia, dove il povero animale è stato ricoverato a seguito del distacco netto del nodello dell’anteriore destro.

Tutto tace, però. Non si sa nulla, perchè? Forse ci sono novità a seguito anche dell’esposto dell’ex ministro Michela Vittoria Brambilla, presidente del Movimento animalista, che aveva chiesto  alla procura della Repubblica di Perugia di verificare la presenza di eventuali sostanze proibite nell’esame autoptico?

Intanto le polemiche continuano a tenere banco, perchè per molti l’incidente di sabato notte non sarebbe stato un caso, bensì una morte annunciata e in qualche modo voluta dalla pervicace ostinazione di alcuni a cercare lo spettacolo nella velocità dei dieci cavalli. Eppure, il 13 maggio scorso, si è tenuto un convegno a Foligno, organizzato dall’Ente Quintana, dal titolo “Valutazione del rischio nelle manifestazioni popolari in cui vengono impiegati equidi”. Vi hanno partecipato tutti i principali interlocutori legati alla reintroduzione dei PSI.

L’Ordinanza del Ministero della salute, però, parlerebbe chiaro: “Nelle manifestazioni che prevedono corse di velocità è vietato l’utilizzo di cavalli di razza purosangue inglese”. La Quintana non sarebbe considerata una corsa di velocità, perché non ci sono più cavalli in pista contemporaneamente. Per molti resta il dubbio. La velocità, infatti, conterebbe moltissimo nella giostra per la conquista del Palio e Wind of Passione aveva abbattuto il muro del record precedente, facendo fermare il cronometro a 52.19. Una velocità da “formula uno”, considerato che il percorso a forma di otto, è stato ricoperto in così poco tempo.

Per il Movimento animalista le manifestazioni fondate sullo sfruttamento degli animali vanno abolite senza se e senza ma, perché nessuna tradizione può giustificare la crudeltà. “Terremo alta la guardia su tutto il territorio nazionale –dice la Brambilla- dovunque si tengano corse e palii che possono costare sofferenze o addirittura la vita degli animali, come è capitato sabato sera a Foligno dove è morto un purosangue inglese, razza di cui sarebbe vietato l’uso».

Nella foto di Giancarlo Balzarini gli ultimi momenti della giostra di Wind of Passion (292)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini