1PERUGIA – La prima richiesta di intervento è arrivata nella mattinata di Sabato, poco dopo le 12, per soccorrere una climber 39enne di Spoleto, infortunatasi a causa di una rovinosa caduta dalla parete ove stava arrampicando nella falesia di Pale, nel settore “La luce”. La donna veniva raggiunta dagli uomini e donne del SASU su di una cengia a circa 15 metri da terra e dall’elisoccorso 118 “Icaro 02”, con a bordo un medico anestesista rianimatore ed un tecnico di elisoccorso del SASU.

2La climber veniva stabilizzata sulla speciale barella spinale del SASU e condotta fino al punto utile per essere recuperata, mediante l’utilizzo del verricello dell’elisoccorso, per essere trasportata all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Le operazioni, durate oltre due ore, hanno portato in salvo la climber, che ha riportato un trauma alla schiena, e sono state coordinate dalla centrale operativa 118 e del Soccorso Alpino Speleologico Umbria; presenti anche i VVFF. La seconda e la terza richiesta, sono arrivate nella tarda mattinata di Domenica.

Alle ore 12 circa, è stato richiesto l’intervento del SASU per soccorrere due escursionisti infortunati a causa di una scarica di sassi caduti dalla parete. L’incidente è avvenuto all’uscita della forra di Rio Freddo, nel Parco del Monte Cucco. I due, E.B. 30enne e G.C. di 47 anni, sono stati raggiunti da una squadra del Soccorso Alpino Speleologico Umbria, personale del 118 e VVFF.

È stato recuperato dapprima il ferito più grave e condotto in barella, mediante l’utilizzo di tecniche alpinistiche, fino alla strada ove c’era l’autoambulanza ad attenderlo, successivamente, con lo stesso procedimento, recuperato anche l’altro ferito. Mentre si portavano in salvo gli escursionisti, è pervenuta l’altra richiesta di soccorso per una donna colta da malore durante un’escursione lungo il “sentiero 2”, all’interno del Parco della Cascata delle Marmore. La signora è stata recuperata dal personale del 118 che ha concluso immediatamente l’operazione.

Nel fine settimana inoltre siamo stati impegnati in collaborazione con la Sezione CAI di Perugia ed il Gruppo Speleologico CAI Perugia nella manifestazione “Avanti Tutta” dove centinaia di bambini si sono cimentati nell’arrampicata di un albero, la discesa di una teleferica e la scalata di una parete attrezzata.
Attività che avvicinano i più piccoli alla frequentazione della montagna e alla cultura di praticare certe attività in sicurezza.
Inoltre venerdi, sabato e domenica è stato effettuato il consueto presidio a Castelluccio di Norcia.
Inoltre nel corso della festa della Madonna della Cona, che si è svolta a Castelluccio, la Pro Loco ha consegnato una targa al Soccorso Alpino Speleologico Umbria, come segno di vicinanza e amicizia tra gli abitanti di Castelluccio e il SASU (85)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini