Si alza il sipario lunedì 31 luglio fino a domenica 6 agosto. “Un grande augurio – ha detto il sindaco – a tutti i contradaioli che lavorano per questa festa, nata per rivitalizzare il centro storico"

1NOCERA UMBRA – Sfide, rievocazioni e tante novità: è tutto pronto per il Palio dei Quartieri, che torna da lunedì 31 luglio a domenica 6 agosto a Nocera Umbra con nuove gare, appuntamenti raddoppiati con le rievocazioni storiche e nuovi punteggi che danno risalto al grande lavoro di ricerca storica.
A presentarle l’edizione 2017, questa mattina nella sala conferenze del museo archeologico, c’erano il presidente dell’Ente palio, Alessandro Orfei, i presidenti dei due quartieri, Catia Riboloni di Porta Santa Croce e Michele Piermatti di Borgo San Martino, il sindaco Giovanni Bontempi e vicesindaco e assessore alla Cultura Virginio Caparvi, presentati dalla giornalista Sandra Ortega. Questa è stata anche l’occasione per presentare i due premi della manifestazione: il Palio dipinto dall’artista Caterina Rizzo e il premio speciale, realizzato da Fabiola Bisciaio.

2Il primo andrà a chi si aggiudicherà tutte le competizioni, sia quelle agonistiche della “Dama infedele”, che quelle storiche “racchiuse” nel Premio speciale; per aggiudicarsi il secondo bisognerà essere i migliori nei cortei storici, negli allestimenti teatrali e nelle cene d’epoca. “Fare in modo che il punteggio del Premio speciale contasse nell’assegnazione del Palio ci è sembrato doveroso nei confronti del grande lavoro di ricerca che i due quartieri svolgono durante tutto l’anno”, ha spiegato il presidente dell’Ente palio, Alessandro Orfei. Ma le novità di quest’anno sono davvero tante: “le animazioni contemporanee per due sere – prosegue il presidente –, un tema unico che darà uniformità alla manifestazione con l’omaggio al patrono nell’ottocentenario della sua morte, l’inserimento di una nuova gara, quella degli arcieri. Inoltre, posso anticipare come novità per i prossimi anni anche un nuovo abbigliamento per gli atleti di Staffetta e Portantina, che correranno in abiti d’epoca.

Durante questo anno di lavoro abbiamo fatto scelte coraggiose e in qualche caso anche dolorose, come la decisione di non disputare la gara del Roccio, avendo dovuto prendere atto delle difficoltà economiche e logistiche. Ciononostante – conclude Orfei – il nostro lavoro è stato grande e auguro un buon Palio a tutti, in particolare ai giovani e giovanissimi che dovranno portarlo avanti negli anni”.

Entrambi i presidenti dei quartieri hanno sottolineato il grande spirito di collaborazione instauratosi quest’anno proprio per garantire quelle modifiche necessarie all’assetto dell’Ente palio e della manifestazione. “Abbiamo lanciato un piccolo sassolino e abbiamo inaugurato una nuova fase nei rapporti fra quartieri – ha sottolineato Catia Riboloni di Santa Croce –, superando il dualismo e anteponendo a tutto la riuscita del Palio”. “È stato un anno di lavoro intenso – ha detto Michele Piermatti di San Martino – e abbiamo fatto scelte anche dure, ma con la consapevolezza di farle per il bene del Palio, che deve essere la manifestazione principe del nostro territorio”.

Da parte di entrambi è arrivato il ringraziamento per il grande lavoro che svolgono i contradaioli di tutte e due le parti; un simile ringraziamento è arrivato anche dal *sindaco Giovanni Bontempi*, che ha definito una svolta il clima di collaborazione instaurato tra quartieri, ringraziando il nuovo Ente Palio per lavoro svolto. “Un grande augurio – ha detto il sindaco – a tutti i contradaioli che lavorano per questa festa, nata per rivitalizzare il centro storico e che oggi è un ulteriore momento di aggregazione al
quale tutti quanti abbiamo la possibilità di contribuire”.

Al Palio si affiancheranno, poi, delle mostre d’arte all’interno del centro storico, come ha ricordato il vicesindaco *Virginio Caparvi*. Presente anche Fabiola Bisciaio, l’autrice del Premio speciale, spiegando come sia ispirato ad un’opera di Leonardo da Vinci, ma con elementi prettamente nocerini.

Ad anticipare il via ufficiale della manifestazione, che ci sarà lunedì alle 21 con la serata inaugurale di Piazza Caprera, sarà la Messa del contradaiolo domani mattina nella cattedrale. Martedì 1 agosto appuntamento con i cortei storici, mercoledì 2 e giovedì 3 agosto toccherà alle animazioni storiche e alle cene d’epoca. Venerdì la novità del Palio degli
arcieri; sabato saltimbanchi e animazioni, poi la consegna del Premio speciale. Domenica giornata conclusiva con il Palio dei bambini e le gare della Dama infedele, Staffetta e Portantina, che decreteranno il vincitore. (158)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini