La puntata dedicata a Bevagna sarà una delle prime del nuovo ciclo del programma che avrà inizio domenica 17 settembre

1BEVAGNA – Sono iniziate questa mattina, martedì 22 agosto, le riprese a Bevagna della troupe di “Alle falde del Kilimangiaro”. Al programma televisivo della Rai il compito di documentare le bellezze del borgo umbro, mostrandone le immagini più significative e raccontando al grande pubblico le tradizioni e le attività che fanno della città delle Gaite uno scrigno prezioso, unico nel suo genere. La puntata dedicata a Bevagna, secondo il palinsesto anticipato dal regista, sarà una delle prime del nuovo ciclo del programma che avrà inizio domenica 17 settembre. Un racconto che verrà svelato attraverso le immagini e le parole.

Un’esplorazione tra i vicoli del centro cittadino, una sosta nelle case per assaporare le ricette tipiche della cucina locale, il fermo immagine sui monumenti più belli. Bevagna si rivelerà anche attraverso le parole, il dialetto, i personaggi e le storie più curiose. Il pubblico potrà conoscere il circuito dei quattro antichi mestieri medievali del Mercato delle Gaite alla scoperta delle botteghe artigiane ricostruite dalle Gaite San Giorgio, San Giovanni, San Pietro e Santa Maria.

Un viaggio tra attività che rievocano il passato ed altre che documentano il presente, uno sguardo attento al tessuto cittadino che ben si mescola con quello turistico che vivacizza il borgo umbro.

Il tutto permeato da un’atmosfera particolare dato che proprio in questi giorni Bevagna si sta preparando a festeggiare il Beato Giacomo Bianconi, con la processione prevista per le 22 di questa sera per le vie del centro e il ricco programma di domani, mercoledì 23 agosto, che avrà inizio alle 11 con la solenne celebrazione eucaristica nella chiesa di San Michele Arcangelo. Si proseguirà poi con il ricordo di Pietro Palmieri alle 18 presso le Logge del Mercato Coperto, la tombolata, il concerto della banda musicale di Bevagna, per concludersi con lo spettacolo pirotecnico alle 23. (101)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini