1PERUGIA – Nel corso della conferenza stampa, la Lega Nord Umbria ha fatto il punto della situazione in Valnerina  ad un anno di distanza dal sisma del 24 agosto 2016, denunciando numerose problematiche riscontrate in seguito ai sopralluoghi svolti sul posto nei giorni precedenti.

I rappresentanti leghisti, anche attraverso confronti con cittadini, commercianti e allevatori di Norcia, Preci, Campi e Castelluccio, hanno elencato una serie di criticità relative alla viabilità (viadotti e gallerie chiuse, strada per Castelluccio a senso unico e caratterizzata da semafori e lunghi tempi di attesa), lo stato di avanzamento dei lavori delle casette (solo 137 consegnate su 783 previste, lavori in ritardo a Preci, Campi, San Pellegrino, Ancarano), i ritardi nella rimozione delle macerie e i ritardi con i quali è stato deciso di avviare il progetto di microzonazione, gli errori commessi dalla Marini e dal commissario Errani a livello politico-gestionale nell’affrontare l’emergenza, gli ostacoli della burocrazia (procedure troppo lente e macchinose) e la gestione dei bandi per la realizzazione delle casette e servizi mensa.

Tra tutto questo è stato riportato l’esempio positivo della comunità di Campi di Norcia dove i cittadini, grazie alle iniziative della Pro Loco e della Comunanza Agraria, hanno dato vita al progetto “back to Campi” per la realizzazione di strutture funzionali ad accogliere i cittadini sfollati. Questi alcuni tra i più importanti temi affrontati con l’ausilio di video ed immagini. (56)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini