padre-mauro-gambettiASSISI  – “Popoli, fedi, culture, esperienze e competenze riunite insieme ad Assisi per camminare – non semplicemente pensare – e generare nuove prospettive, che promuovano sensibilità e approcci capaci di guardare la realtà con distensione, serenità e fiducia”. E’ quanto afferma il custode del Sacro convento di Assisi, padre Mauro Gambetti (nella foto), nel suo indirizzo di saluto ai partecipanti al Cortile di Francesco – filosofi, politici, religiosi, giornalisti, manager, artisti –  che si confronteranno da domani a domenica prossima sul tema “Cammino”.

“L”itinerare’, come tratto proprio dell’’humanun’, oltre ad accomunare tutti gli uomini, costituisce nello stesso tempo – aggiunge il Custode – una provocazione alla ricerca della verità, che può unire in un incontro a un tempo inclusivo e rispettoso delle differenze. Coltiviamo la speranza di avanzare insieme con i fratelli verso una pienezza di verità e amore!”.

In questo cammino – sottolinea Padre Gambetti – “Francesco d’Assisi si fa nostro compagno di viaggio. La sua testimonianza coinvolge e affascina per la chiarità della meta che lo sostiene nel cammino, la prossimità e l’inclusività, l’autenticità che lo caratterizza, la libertà, per l’amore più grande di ogni altro amore che lo attrae e lo muove: il Vangelo, la persona di Gesù Cristo, riconosciuto quale via, verità e vita”.

Al Cortile di Francesco dal 14 al 17 settembre si terranno incontri, conferenze e workshop. Parteciperanno tra gli altri: Christo, Massimo Cacciari, Umberto Galimberti, Oliviero Toscani i Ministri Graziano Delrio, Valeria Fedeli, Marco Minniti e Romano Prodi per citarne alcuni. Un programma ricco di eventi con personalità della società civile, della cultura, della politica e dell’arte, ma anche tanti uomini e donne pronti ad ascoltare e a dialogare tra loro sul tema del “cammino”.

È possibile partecipare prenotandosi on-line tramite il sito www.cortiledifrancesco.it dove si potranno reperire le informazioni e il programma completo. (141)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini