Nota dell’amministrazione regionale

regione-umbria-copiaPERUGIA – In riferimento all’indagine da parte della magistratura sull’operato di un dipendente dell’amministrazione regionale nei confronti del quale sarebbe ipotizzato il reato di peculato, la stessa amministrazione tiene a sottolineare che, nel caso in cui emergessero responsabilità a carico del dipendente, adotterà tutti i provvedimenti di legge per la tutela dell’interesse pubblico e dell’ente e per il recupero delle somme che risultassero indebitamente sottratte, compresi gli eventuali provvedimenti di carattere disciplinare.

Nel manifestare apprezzamento per il lavoro della magistratura e delle forze di polizia, impegnate nello svolgimento dell’inchiesta giudiziaria, la Regione Umbria tiene a rimarcare che la stessa indagine è stata svolta con la piena collaborazione degli uffici regionali interessati.

L’attività di controllo, verifica ed ispezione della Regione continuerà con identica intensità.

Infine, la Regione Umbria ribadisce l’assoluta fiducia nei confronti di tutto il personale dipendente che svolge con onestà, impegno e professionalità la propria funzione al servizio della collettività, nell’interesse dei cittadini, e per l’erogazione di fondamentali servizi pubblici. Cosa che non (115)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini