Barberini inaugura Laboratorio a Fratta Todina. "Il maggior fattore di rischio è l’età e, in una società sempre più anziana, il fenomeno assume dimensioni allarmanti"

1FRATTA TODINA – In Umbria sono circa 17mila i casi demenza, di cui il 60 per cento per Alzheimer e sono in costante aumento le malattie croniche legate all’età. Stiamo mettendo a punto un nuovo modello organizzativo per dare risposte più omogenee ed efficaci ai bisogni delle persone che vivono situazioni del genere”: lo ha detto l’assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, Luca Barberini, intervenendo stamani, a Fratta Todina, all’inaugurazione del nuovo Laboratorio di stimolazione cognitiva del Distretto della Media Valle del Tevere della Usl Umbria 1, in occasione della 24esima Giornata mondiale dell’Alzheimer.

2“Questa malattia – ha detto Barberini – è la forma più diffusa di demenza ed è in crescente aumento anche nella nostra regione. In Italia sono circa 1,2 milioni le persone affette da Alzheimer ed è stato stimato che nel 2030 arriveranno a 1,6 e nel 2050 a 2,2. Il maggior fattore di rischio è l’età e, in una società sempre più anziana, il fenomeno assume dimensioni allarmanti. L’Umbria è la seconda regione più vecchia d’Italia: gli anziani over 65 sono circa il 26 per cento della popolazione, aumentano malattie croniche legate all’età e quindi le demenze, con conseguenze pesanti sul piano sociale, economico e organizzativo”.

3“In questo quadro – ha evidenziato l’assessore – la Regione Umbria ha tracciato un percorso importante, promuovendo un’integrazione sempre maggiore tra servizi sanitari e territorio, per arrivare a una rete condivisa di presa in carico globale delle persone con Alzheimer e della loro famiglie. Abbiamo definito un ‘Piano regionale delle demenze’ e attivato un Gruppo di lavoro, composto da funzionari regionali e referenti delle aziende sanitarie territoriali e ospedaliere e dell’università, per aggiornare il percorso diagnostico terapeutico assistenziale dei pazienti affetti da demenza. Abbiamo aperto due nuclei residenziali a ciclo continuativo per la gestione dei malati Alzheimer e previsto l’attivazione di Centri diurni per autismo e demenze in tutte le Zone sociali”.

L’Umbria – ha continuato Barberini – è stata inoltre, tra le prime Regioni d’Italia ad approvare un ‘Piano regionale della cronicità”, per dare risposte più efficaci a demenze e patologie croniche. Tra gli obiettivi, ci sono la realizzazione di una rete assistenziale regionale con maggiore sostegno all’ attivazione della domiciliarità, diagnosi precoci della malattia, presa in carico del paziente e della famiglia, riduzione dei carichi assistenziali dei familiari e supporto psicologico, maggiore formazione del personale sanitario e dei cargiver”.

Riferendosi al Centro diurno Alzheimer di Fratta Todina, all’interno del quale è inserito il Laboratorio inaugurato, Barberini ha sottolineato che “in questo territorio sono state fatte scelte coraggiose ed è stato realizzato un ottimo lavoro per dare una risposta adeguata a chi soffre di malattie complesse come l’Alzheimer, recuperando e valorizzando strutture esistenti e inserendo i servizi all’interno della vita stessa della comunità, senza nascondere o isolare chi si trova in difficoltà. Il nuovo Laboratorio di stimolazione cognitiva, aperto a varie forme di disabilità e al contributo prezioso di volontari e associazioni del territorio, rappresenta un ulteriore passo in avanti”. (155)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini