Gli Istituti che parteciperanno al concorso di idee sono: Convitto Nazionale di Assisi, IIS “G. Bruno” di Perugia, IPSIA Cascia, Liceo Scientifico “Galilei” di Terni, Istituto “D. Alighieri di Nocera Umbra”, IISST di Orvieto, Istituto “Calvino” di Città della Pieve, Campus “Da Vinci” di Umbertide, Istituto “Battaglia” di Norcia.

1PERUGIA – Rivalutare e rivitalizzare il senso di attaccamento alle società e alle comunità, promuovere l’inclusione sociale e la coesione, riscoprire l’identità ed i valori e formare una base comune di informazioni e conoscenze condivise che consentano di sviluppare un senso di fiducia nel futuro e nella società: sono i concetti chiave del concorso “The future games of Umbria”, l’iniziativa realizzata dal consorzio Itaca con la collaborazione della Regione Umbria, in particolare dell’Assessorato all’Istruzione, dell’Ufficio Scolastico Regionale e con il sostegno di Coopfond. Il concorso, che vuole promuovere nei giovani l’interesse e l’attenzione alle tematiche ed al concetto di cittadinanza attiva, è aperto ai licei umbri e si articola in tre sezioni: Progetto letterario, Progetto di animazione e Progetto fotografico.

Gli Istituti che parteciperanno al concorso di idee sono: Convitto Nazionale di Assisi, IIS “G. Bruno” di Perugia, IPSIA Cascia, Liceo Scientifico “Galilei” di Terni, Istituto “D. Alighieri di Nocera Umbra”, IISST di Orvieto, Istituto “Calvino” di Città della Pieve, Campus “Da Vinci” di Umbertide, Istituto “Battaglia” di Norcia.

I migliori tre progetti riceveranno un premio che sarà assegnato alle scuole vincitrici nel corso della giornata finale di presentazione dei progetti che si terrà nei primi giorni di dicembre. Il concorso nasce e prende spunto dall’esperienza traumatica del terremoto che ha scosso l’animo di tutti gli umbri e che ha sconvolto la nostra percezione della vita e della realtà, già distorta dall’avvento dell’era digitale, dalla crescente disuguaglianza sociale, dalla povertà e dalla mancanza di un vero senso della comunità.

Il contest vuole essere un mezzo per rispondere ad alcune domande sul futuro della nostra regione in una ottica propositiva, innovativa e fiduciosa. Si tratta di una vera e propria sfida – affermano i promotori – a disegnare l’Umbria del futuro.

Il primo incontro con le scuole partecipanti al progetto si è tenuto nei giorni scorsi alla presenza della referente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Anna Pistoletti, del dirigente del Servizio Apprendimenti, Istruzione e Formazione professionale della Regione Umbria, Adriano Bei, dei referenti del Consorzio e dei docenti referenti delle scuole. (108)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini