1MONTONE – “Once upon a time” è il titolo dell’evento internazionale che ha visto riuniti, a Montone, ragazzi e ragazze provenienti da diversi paesi e varie realtà sociali.Uno scambio interculturale sponsorizzato e reso possibile dal programma di mobilità europea “Erasmus+”, nato nel 2014, che permette ai giovani europei, e non solo, under 30 di fare esperienze all’estero seguendo dei corsi basati sull’educazione non formale.

Il progetto, tenutosi nel borgo dell’Alta Valle del Tevere per il quarto anno consecutivo, ha coinvolto venti ragazzi provenienti da Italia, Romania, Ungheria e Spagna.

E’ stato un evento atipico nel panorama dell’Erasmus+, in quanto il tema dello scambio giovanile è stato il “Comunismo”, un topic non molto diffuso al momento nell’ambito della mobilità europea. In particolar modo, i quattro paesi da cui provenivano i partecipanti si distinguono per la diversa maniera in cui hanno vissuto il fenomeno del comunismo. Si sono così incontrati e confrontati romeni, la cui storia recente rimanda al noto nome di Ceaușescu; ungheresi, eredi della storica insurrezione antisovietica del ’56; italiani e spagnoli, figli di paesi dove si sono sviluppati due tra i più forti partiti comunisti dell’Europa occidentale.

Insieme per circa una settimana, i ragazzi hanno scambiato idee e opinioni, praticato attività, discusso sul “Comunismo”, i suoi valori, i suoi errori, la sua eredità oggi e il suo futuro in Europa. Inoltre, hanno avuto l’occasione di conoscere posti nuovi, tradizioni e storia locali attraverso la visita a Umbertide, Montone e Perugia, nonché la degustazione di prodotti tipici.

Durante il soggiorno i giovani sono stati accolti con calore dal sindaco Mirco Rinaldi. Nel corso dell’incontro, avvenuto nella sala consiliare del Comune, i visitatori hanno fatto domande a tema al primo cittadino che, con piacere, si è prestato all’interessante dibattito culturale.

Il progetto è stato organizzato dall’Associazione Culturale Gentle Giant di Ardea (Rm), che, vista la riuscita dell’evento, dà appuntamento all’anno prossimo per un nuova proposta centrata su giovani.

 

(167)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini