Quest'anno qualità strepitosa. I produttori olivicoli umbri aderenti all’associazione hanno iniziato raccolta e spremitura. All’evento di Bastia Umbra stand e iniziative per promuovere olio evo Dop e Bio regionale

1BASTIA UMBRA – In Umbria è iniziata la raccolta e la spremitura delle olive e, stando ai primi dati e alle prime degustazioni, i produttori olivicoli della regione assicurano che quella di quest’anno sarà una stagione olearia caratterizzata da quantità leggermente inferiori a quelle del 2016, ma anche da una qualità strepitosa, sia per quanto riguarda la salute delle olive che l’olio che da esse viene estratto.

2Anche di questo si parla a Eco natura, il salone del turismo rurale in scena all’Umbriafiere di Bastia Umbra, dove Assoprol, l’associazione che riunisce 2.300 produttori olivicoli umbri, è presente con uno stand dedicato all’olio extravergine di oliva (evo) Dop e Bio. “Siamo qui – commentano dall’associazione – per promuovere le nostre eccellenze attraverso campagne di divulgazione e sensibilizzazione sull’uso di oli di qualità, rivolte al consumatore ma anche al mondo dell’horeca. Un progetto che è stato finanziato con la Misura 3 del Programma di sviluppo rurale dell’Umbria 2014-2020”.

3 In quest’ottica, nei giorni della manifestazione, oltre a presentare gli oli evo Dop e Bio prodotti dai suoi soci, Assoprol ha organizzato momenti formativi su caratteristiche e pregi degli oli umbri, tra cui anche due cooking show gratuiti. “Abbiamo preso prodotti semplicissimi della nostra terra, come il farro, la zucca o le patate – spiegano da Assoprol –, e li abbiamo combinati con un grande olio. Ne sono risultati cibi nutrienti, ma anche molto buoni. In questo modo, tutti i presenti che hanno degustato le pietanze hanno potuto cogliere quanto un olio di qualità possa fare la differenza”.

Nel primo cooking show che si è svolto nel giorno dell’inaugurazione sono intervenuti anche gli studenti dell’istituto Alberghiero di Assisi e a preparare i piatti è stato lo chef umbro Gabriele Faina che ha abbinato i prodotti della terra ad oli con caratteristiche organolettiche leggermente diverse. “Vogliamo parlare di olio – prosegue Assoprol – e, in particolare, di olio che fa la differenza: il cui processo produttivo è garantito, così come sono garantite certe caratteristiche chimiche e organolettiche; un olio che viene prodotto in Umbria rispettando le condizioni dell’agricoltura biologica e che può accedere alle certificazioni Denominazione di origine protetta e bio”.

Ma trattandosi, Eco Natura, di un evento che si occupa di turismo rurale a 360 gradi, Assoprol ha voluto mettere in luce anche l’importanza che l’olio e il paesaggio olivato rappresentano nell’ottica di promozione turistica.

“In questo momento – affermano da Assoprol –, l’olio sta raccontando interi territori. Lo hanno fatto in passato i nostri pittori attraverso quadri e affreschi che possiamo vedere nelle pinacoteche e nelle chiese, lo stiamo facendo noi attraverso aziende che oggi producono sempre di più, in maniera più diligente e ottenendo un olio che possiamo definire moderno”. (158)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini