Commissaria De Micheli nelle aree umbre colpite dal terremoto insieme alla presidente Marini

1NORCIA – Ha voluto iniziare la sua visita nelle aree colpite dagli eventi sismici del 2016 dal Centro regionale di Protezione civile, a Foligno, dove la Commissaria straordinaria per la ricostruzione, Paola De Micheli, è stata accolta dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, dal direttore regionale alle infrastrutture, Diego Zurli, e dal capo del dipartimento regionale di Protezione civile, Alfiero Moretti. Qui la Commissaria ha avuto l’opportunità di incontrare e salutare anche diversi rappresentanti del sistema economico ed imprenditoriale umbro, che stavano partecipando ad un forum organizzato dal Club Ambrosetti, con ospite la presidente Marini, dedicato proprio al tema “sfide e prospettive post sisma”, nel corso del quale la stessa presidente Marini ha ribadito come “dobbiamo affrontare questa drammatica esperienza con la volontà di trasformarla in una nuova opportunità per rendere l’Umbria ancora più sicura e moderna”.

2Incontrando i giornalisti, sempre a Foligno, la Commissaria De Micheli ha più volte ribadito che “ci sono tutte le condizioni per avviare subito la ricostruzione, soprattutto quella degli edifici con danni lievi. Ci sono le risorse e ci sono anche regole assolutamente semplici che consentono ai cittadini di poter far partire i lavori di ricostruzione depositando agli uffici speciali la richiesta di autorizzazione ed ammissione al contributo. Il nostro invito, quindi, è quello di fare presto perché si può. Non c’è nulla, e men che meno burocrazia, che possa ostacolare o rallentare tutto ciò. Laddove ci siano ancora – come nel caso della ricostruzione pesante o degli edifici pubblici – dei problemi di ordine burocratico, procederemo ad una ulteriore semplificazione”.

4Per parte sua la presidente Marini – che ha colto l’occasione per rinnovare alla Commissaria De Micheli gli auguri di buon lavoro – ha affermato che in Umbria sono già state concesse diverse autorizzazioni per l’avvio dei lavori di ricostruzione di edifici classificati in fascia B, cioè con danni lievi: “è fondamentale che questa ricostruzione acceleri il più possibile il suo corso, perché così intanto i cittadini possono rientrare nelle loro abitazioni e non pesare sul sistema pubblico di assistenza”.

3“Voglio ancora sottolineare – ha aggiunto Marini – che in Umbria, sin dalle ore immediatamente successive alle prime scosse, abbiamo sempre voluto gestire ogni fase con spirito di squadra tra il livello centrale, Governo e Protezione civile, l’ufficio del Commissario, la Regione ed i sindaci, gli stessi cittadini e i loro comitati o associazioni, la comunità ecclesiastica”.

Sul tema poi delle casette o altre strutture mobili costruite o installate in assenza di autorizzazioni, e dunque non in regola con le norme edilizie ed urbanistiche, sia la Commissaria De Micheli che la presidente Marini hanno voluto ribadire la ferma convinzione e volontà a difendere il territorio ed il paesaggio di queste aree di grande pregio ambientale da qualsiasi tentativo di cedimento all’abusivismo, non escludendo al tempo stesso un provvedimento che possa salvaguardare casi specifici, sempre però nel rispetto delle norme urbanistiche.

Concetti questi che sono stati successivamente ribaditi dalla Commissaria nel corso dell’incontro avuto a Norcia, al Centro polifunzionale Boeri, dove è stata accolta dal sindaco della città Nicola Alemanno, con i sindaci del “cratere” tra cui i sindaci di Preci Pietro Bellini e di Cascia Mario De Carolis, presente la presidente Catiuscia Marini, anche nella veste di vice commissario, i Prefetti di Perugia e Terni, Raffaele Cannizzaro e Paolo De Biagi, l’arcivescovo dell’Archidiocesi di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza Episcopale Umbra, Renato Boccardo.

In questa sede, la Commissaria ha annunciato che si sta definendo un preciso vademecum per la ricostruzione, per offrire ogni utile informazione ai cittadini, ai tecnici ed anche agli amministratori locali. Si sta lavorando, ha detto inoltre, a nuove ordinanze e provvedimenti legislativi relativi alla ulteriore semplificazione delle procedure per appalti e gare, macerie, di carattere fiscale.

Durante l’incontro con i sindaci, la presidente Marini, per ciò che riguarda la ricostruzione pubblica, ha annunciato l’ipotesi della costituzione in Umbria di una centrale regionale unica per gli appalti, al fine di semplificare e agevolare il lavoro con i Comuni e gli altri livelli istituzionali locali.

In precedenza la Commissaria De Micheli aveva effettuato un sopralluogo dapprima all’Abbazia di Sant’Eutizio, successivamente al centro storico di Norcia, raggiunta attraversando la strada che da Preci porta a Norcia e dove ci sono molte antiche frazioni danneggiate dal sisma. Infine, la Commissaria è stata a Cascia dove ha effettuato un altro sopralluogo nelle zone con edifici danneggiati, ed ha visitato la Basilica-Santuario di Santa Rita e i moduli provvisori che ospitano le attività economiche e commerciali oggetto di delocalizzazione. (194)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini