Dal nostro inviato speciale GILBERTO SCALABRINI

0ASSISI – Con la voce rotta dall’emozione è esplicita, diretta: «Vorrei regalarvi una pagina a ciascuno, ma siete tanti e sono appena 128». E’ vero, c’era tanta gente questa sera alla presentazione del suo primo libro dal titolo “La scarpa nel corridoio”, racconti di ordinaria meraviglia.

1Un libro da leggere assolutamente, anche solo per evasione e divertimento. Sono racconti della sua infanzia e adolescenza, trascorsa a Montefranco, Valnerina ternana. “Un affresco emotivamente coinvolgente” scrive nella prefazione Giuseppe Caforio, ed è vero, perché sembrano fiabe che ti lasciano guardare dentro quel mondo ormai lontano. E non è solo un inno al suo paese, ma ci sono tanti spunti per una riflessione su quel secolo breve che è stato il 1900.

2Piccole storie da consegnare al futuro, scritte dentro poche righe che hanno un ritmo, trovate geniali e scene divertentissime che si susseguono senza respiro. L’umorismo è tagliente, ironico. Paola Gulafetti racconta anche la sua prima storia, quella le è rimasta scolpita nella memoria. L’ha sentita al lavatoio. Mentre la mamma lavava i panni, le altre donne erano addolorate per quel prete cacciato da Montefranco, perché era un donnaiolo. Fra queste, però, ce n’era una piuttosto arrabbiata che imprecava contro le altre che piangevano per quel prete don Giovanni, mentre nessuna per il decesso del suo povero padre.

3Un libro da leggere assolutamente, anche solo per evasione e divertimento. E’ stata molto divertente, quando ha raccontato “l’arco costituzionale”, i due partiti, la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista, che a Montefranco si contendevano gli lettori e nessuno parlava al “nemico”. Allora ci sono venute in mente le scene del film “Peppone e don Camillo”. Un compagno e un prete, che litigavano anche di brutto, ma poi erano amici di nascosto dalle malelingue.

4Insomma, l’arguzia e l’intelligenza delle battute e degli aforismi che si trovano nelle 128 pagine sono impareggiabile, raffinati e provocatori. Hanno fatto i complimenti a Paola il sindaco di Bastia Umbra, Ansideri, gli ex sindaci di Assisi Bartolini e Lunghi. Complimenti e auguri doppi da parte dei tanti presenti, visto che oggi la Gualfetti festeggiava anche i suoi 70 anni . Il libro è una candelina sulla torta e lei l’ha scritto col cuore, oltre che con una penna molto agile, divertente, ironica.

L’arguzia e l’intelligenza delle battute e degli aforismi, raffinati e provocatori, sono impareggiabili. Complimenti! (480)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini