Scattano i controlli del comune che invita i proprietari a mettersi in regola. Anche gli immobili che hanno perso i requisiti di ruralità devono essere dichiarati al Catasto

1FOLIGNO – Occorre tenere costantemente aggiornata la situazione catastale degli immobili di cui si è proprietari. Lo ricorda il Comune di Foligno evidenziando come ancora oggi sul territorio si rilevino fabbricati rurali o porzioni di essi, non dichiarati al Catasto Edilizio Urbano. Questa situazione non è più consentita dalla legge e quindi per questi immobili è necessario procedere quanto prima alla regolarizzazione catastale, cioè al corretto accatastamento.

La Direzione Provinciale di Perugia dell’Agenzia delle Entrate – Territorio ha intrapreso diverse iniziative per divulgare il più possibile le modalità per mettersi in regola e non incorrere in maggiori sanzioni da parte dei soggetti interessati al censimento, non ultimo l’incontro con le categorie professionali.

I titolari di diritti reali sui fabbricati rurali ancora censiti al Catasto dei Terreni e su quelli che hanno perso i requisiti di ruralità hanno l’obbligo di dichiararli al Catasto dei Fabbricati. In assenza della dichiarazione, l’Agenzia delle Entrate/Territorio procederà con le sanzioni previste dalla legge e all’accertamento in sostituzione del soggetto inadempiente, con oneri a carico dello stesso. A tal fine il proprietario, avvalendosi di un professionista abilitato, dovrà presentare agli uffici l’atto di aggiornamento cartografico (Pregeo) e la dichiarazione di aggiornamento del Catasto fabbricati (Docfa).

Ulteriori informazioni sui fabbricati rurali sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate nella sezione Cosa devi fare>Aggiornare dati catastali e ipotecari>Fabbricati rurali. L’operazione non deve essere sottovalutata, anche per non avere problemi, ad esempio, in occasione della stipula di atti di compravendita, denunce di successione o contratti di locazione. Il servizio fiscalità sugli immobili del Comune di Foligno è a disposizione per ogni chiarimento. (98)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini