Venticinque i tifosi Sir che ieri mattina si sono recati al Centro Trasfusionale dell'ospedale di Perugia per una donazione di sangue collettiva

1PERUGIA– Sono stati venticinque i “Sir Maniaci” che ieri mattina si sono recati presso il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia per una donazione di sangue collettiva.
Nasce così un nuovo gruppo di donatori Avis, frutto del connubio tra sport e solidarietà che ancora una volta si è mostrato vincente.
“Plaudiamo al sostegno che il mondo dello sport fa nei confronti della raccolta del sangue, un mondo che può indirizzare nella giusta direzione un messaggio di solidarietà verso chi si trova in una situazione di emergenza – ha detto Mauro Marchesi, Direttore del Centro Trasfusionale del Santa Maria della Misericordia -. Stiamo operando in due direzioni: oltre ad appoggiare Avis nella raccolta, stiamo favorando anche la formazione delle varie figure sanitarie che sono impegnate a ottimizzare sempre più l’utilizzo del sangue in sala operatoria per gli interventi chirurghici”.
Il gruppo costituito da tifosi della SIR Safety Conad Perugia, mira a crescere nel giro di pochi mesi, aggregando strada facendo, tutti coloro che amano lo sport, ma ancor di più ad essere solidali con gesti concreti.
La collaborazione tra Avis Perugia e Sir non è nuova, infatti già da tempo l’Associazione Volontari di Sangue perugina sostiene la squadra dei Block Devils, lo scorso anno diversi volontari si sono recati sugli spalti del Pala Evangelisti insieme ai Sir Maniaci per creare una coreografia con 3.000 palloncini rossi a marchio Avis.
“Sono già allo studio nuove inziative che vedranno coinvolti i Sir Maniaci e Avis Perugia – ha detto Marco Tortoioli, Consigliere Avis Perugia – Responsabile settore sport – che vedranno la luce tra Natale e i primi mesi del nuovo anno, per rinsaldare sempre più questo connubio che ci permetterà di gestire ancora meglio le tante piccole emergenze quotidiane che hanno bisogno di sangue”.
La costituzione di questo nuovo gruppo di donatori rappresenta un altro importante traguardo per AVIS Perugia, che anche attraverso lo sport e i suoi sostenitori mira a diffondere la cultura del “Dono”.
L’emergenza sangue purtroppo è ben nota, – afferma Fabrizio Rasimelli, presidente Avis Perugia – pertanto avere un gruppo che si impegna a donare in maniera costante per noi è di grande aiuto, oltre a rappresentare un modo di stare vicino al territorio e alla comunità. Speriamo che l’iniziativa di questo gruppo di tifosi sia da esempio per altri che ci vorranno sostenere con il loro aiuto, perché voglio ricordare che donare è importante perché permette di salvare delle vite”. (112)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini