Nelle farmacie comunali saranno effettuati screening di prevenzione del diabete dal 14 al 20 novembre

1BASTIA UMBRA – Le farmacie comunali di Bastia Umbra da anni svolgono un’intensa attività di prevenzione e informazione sanitaria che coinvolge i propri utenti, soprattutto gli adulti e gli anziani. Da molti anni sono state gestite dal dottor Antonio Tabascio e dal 1° agosto la direzione è stata assunta dal dottor Giuseppe Cenci, che ha sostituito Tabascio andato in quiescenza.

Le farmacie di Bastia Umbra aderiscono alla Giornata mondiale del Diabete, in programma martedì 14 novembre, con la Campagna nazionale di screening in farmacia organizzata in sede regionale dalla Federfarma Umbria. Le farmacie comunali di Bastia hanno aderito anche alla Campagna dal primo anno, 2013, con test di prevenzione del diabete sulla popolazione residente.

Degli 8.362 soggetti che in Umbria si sono sottoposti a screening tra il 2013 e il 2016, circa 600 sono di Bastia Umbra.

L’iniziativa di effettuare controlli di prevenzione diabetologica è iniziata in Umbria nel 2013 e poi estesa a livello nazionale, per effetto dei risultati eccellenti ottenuti della campagna nel territorio regionale.

Quest’anno gli screening inizieranno il 14 novembre, giornata mondiale del diabete, e proseguiranno per una settimana fino a lunedì 20 novembre.

Le due farmacie comunali di Bastia, una in via Firenze e l’altra a Villaggio XXV Aprile nel palazzo dove ha sede il centro commerciale, effettueranno, nel rispetto delle normative regionali, la misurazione gratuita della glicemia in regime di autoanalisi ai soggetti che spontaneamente di presenteranno per sottoporsi al test.

 

Alla campagna degli anni scorsi ha aderito un ragguardevole numero di utenti delle farmacie in Umbra (1.362) con esiti significativi: 1.936 i soggetti a rischio elevato di sviluppare il diabete nei prossimi dieci anni; 758 i soggetti pre-diabetici e 437 soggetti diabetici affetti da diabete manifesto, di cui 193 (2,32%) non sapevano di essere diabetici.

  (106)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini