1SIGEL MARSALA – ZAMBELLI ORVIETO = 0-3
(14-25, 24-26, 17-25)
MARSALA: Rossini 10, Furlan 8, Merteki 7, Facchinetti 6, Ventura Ferreira 4, Agostinetto 2, Marinelli (L), Biccheri 4, Murri, Gabbiadini. N.E. – Cazzetta, Mucciola. All. Francesco Campisi e Luciano Tagnesi.
ORVIETO: Aricò 18, Grigolo 17, Santini 8, Montani 8, Mio Bertolo 7, Valpiani, Rocchi (L1), Ciarrocchi 2, Venturi (L2). N.E. – Ginanneschi, Muzi, Zonta. All. Matteo Solforati e Giuseppe Iannuzzi.
Arbitri: Rosario Vecchione (SA) ed Enrico Autuori (SA).
SIGEL (b.s. 6, v. 5, muri 8, errori 11).
ZAMBELLI (b.s. 6, v. 7, muri 10, errori 10).

Grigolo Laura

Grigolo Laura

MARSALA (TP) – La Zambelli Orvieto torna a conquistare punti nel campionato di serie A2 femminile prendendo una boccata d’ossigeno al termine della settima giornata che è risultata assai positiva.
Le tigri gialloverdi sono apparse concentrate e determinate e non hanno fallito l’appuntamento esterno che era una sorta di scontro della verità per far ripartire la squadra in classifica.

Arico- Ramona

Arico- Ramona

Ci ha provato la Sigel Marsala capace di imprimere accelerazioni all’incontro, riuscendo a tratti ad esprime una buona pallavolo ed evidenziando una buona confidenza a muro e ma una alterna efficacia sull’attacco di palla alta.
Tutto sommato è stata una gara equilibrata, ma nei momenti decisivi i martelli rupestri sono risultati più abili, impedendo a quelli siciliani di stare al passo grazie ad una gestione accorta della regista Valpiani.

Un incontro cominciato in equilibrio con il punto a punto che tiene in bilico il punteggio sino al 7-7, ma che poi grazie a qualche errore delle locali prende la via orvietana (12-16), a consolidare il margine ci pensa Aricò (sette palle a terra) che trascina al vantaggio.
Invertiti i campi sono sempre le rupestri a condurre le danze con Grigolo (metterà sette palle a terra) che martella senza pietà trovando colpi imprendibili ma basta un attimo ed il punteggio torna in asse (17-17). La gara viene interrotta per oltre dieci minuti perché piove e dal tetto penetra acqua al centro del terreno di gioco, alla ripresa le squadre si alternano alla guida, la battuta di Santini che pesca un ace trova il break ma le lilibetane lo annullano (23-23). Allo sprint una grande difesa di Venturi ed un muro di Ciarrocchi fanno segnare il raddoppio.

Terzo frangente di gioco con le orvietane che vanno avanti (7-11), il muro della Zambelli si erge sopra rete e rende innocua l’offensiva avversaria con cinque bollini stampati alle locali ed il divario divente consistente (13-19), a chiudere la gara è una siciliana in forza alle umbre, Aricò schianta a terra la palla della vittoria. (94)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini