1PERUGIA – Hanno corso in Spagna, sulle strade di Valencia, i podisti della squadra dei L’Unatici Ellera Corciano, che si sono cimentati in una delle maratone di maggior fascino della penisola iberica, in un clima di grande festa sia tra i partecipanti ed anche lungo le strade, tra la gente festante. A rappresentare la squadra corcianese sui canonici 42 chilometri e 195 metri sono stati Roberto Epifani, che ha concluso la gara in tre ore 36 minuti 5 secondi, poi Viola Tinè in tre ore 36 minuti 10 secondi, Tiziana Nandesi in quattro ore 26 minuti 46 secondi e Nicola Gallotti, alla sua prima maratona, in quattro ore 51 minuti 2 secondi, ma con la sua prestazione in gran parte compromessa da problemi intestinali. Sulla gara di 10 chilometri si sono invece cimentati altri die componenti della squadra, ovvero Bernardo Moroni e Roberto Milani.

Un’esperienza fantastica per tutti, in una città che fa dell’accoglienza una delle sue caratteristiche principali. La squadra nata all’inizio del 2017 dall’unione tra il gruppo podistico L’Unanuova di Ellera e la Podistica Corciano continua a cimentarsi ogni settimana nelle principali gare e domenica prossima 26 novembre Fulvio Mazzoleni, Massimo Paradisi, Raffaele Losavio e Roberto Flenghi saranno impegnati alla Maratona di Firenze.

La squadra podistica sta per festeggiare il suo primo compleanno con grande soddisfazione, confermandosi come una realtà in crescita, promuovendo l’identità del territorio comunale e regionale e portando avanti la volontà di identificarsi sempre di più con la propria realtà territoriale, non solo attraverso l’attività sportiva. I L’Unatici Ellera Corciano, squadra affiliata sia alla Fidal e all’Endas, sta trovando nell’unione del gruppo e nell’entusiasmo di farne parte i propri principi prioritari, portando avanti l’obiettivo di collaborare tutti insieme per crescere nell’ambito sia della pratica dell’attività sportiva ed anche sotto l’aspetto della socializzazione tra i propri tesserati e con altri gruppi e associazioni. (49)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini