Già tratto in arresto lo scorso febbraio per detenzione ai fini di spaccio, è stato nuovamente fermato e controllato: nella sua abitazione i poliziotti hanno trovato 584 grammi di hashish nascosti nell’intercapedine di un muro

1PERUGIA – Era già stato tratto in arresto dai poliziotti della Squadra Mobile per spaccio nel febbraio di quest’anno ma lo straniero, un marocchino del ’65, è stato nuovamente notato mentre si aggirava con fare sospetto nei pressi della fermata dell’autobus a Ponte S. Giovanni.

Al momento del controllo, i poliziotti notavano una vettura che stava raggiungendo l’uomo e che quest’ultimo, con un gesto repentino, tentava di avvisare di allontanarsi.

Data la situazione, gli operatori approfondivano gli accertamenti procedendo dapprima a perquisizione personale e, successivamente, domiciliare.

Grazie all’intervento dell’unità cinofila della Guardia di Finanza, gli agenti dapprima rinvenivano una scatola nei pressi di un cassonetto poco distante l’abitazione che il cane antidroga segnalava e che verosimilmente aveva contenuto sostanza stupefacente.

Il controllo proseguiva quindi all’interno dell’appartamento del marocchino con esito positivo: qui, infatti, gli agenti rinvenivano oltre mezzo chilo di hashish che lo straniero aveva occultato all’interno di un vano ricavato con pannelli di legno in corrispondenza dello stipite di una porta.

 

Tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato ristretto a capanne in attesa della convalida. (74)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini