”Anche in siderurgia possibile conciliare competitività e salvaguardia ambientale”

1ROMA – “Terni e l’AST potrebbero concretamente rappresentare l’esempio di come sia assolutamente possibile tenere insieme una moderna industria siderurgica con la sostenibilità ambientale”: è quanto affermato dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, intervenuta oggi a Roma, al convegno organizzato dalla FIOM nazionale sul tema “Fondiamo il futuro” a cui ha preso parte insieme al Ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda e alla segretaria della FIOM, Francesca Re David, presente – tra gli altri – l’ex segretario della FIOM, Maurizio Landini.

Nel ribadire la “centralità dell’industria siderurgica in Italia ed in Europa, anche in relazione agli altri settori produttivi” la presidente Marini ha sottolineato come attualmente, anche grazie a “industria 4.0”, vi sia una politica industriale che consente di mettere in campo importanti azioni di innovazione, ricerca, di un complessivo processo di miglioramento delle attività produttive “che permette di elevare la competitività industriale nel rispetto della compatibilità ambientale”.

“A Terni – ha proseguito Marini – abbiamo negli anni svolto un lungo lavoro sul tema della compatibilità ambientale e delle politiche per tenere insieme industria e salvaguardia della salute e dell’ambiente. Un tema questo particolarmente impegnativo in una realtà dove la città è cresciuta negli anni attorno alla fabbrica. E vogliamo continuare a conservare un approccio positivo, che abbiamo sempre condiviso tra istituzioni e organizzazioni sindacali, e cioè quello di pensare ad AST sempre in termini di prospettive e di sviluppo, perché parliamo di un sito di straordinaria importanza sia per il sistema industriale italiano che per quello europeo, in considerazione soprattutto alla produzione degli acciai speciali”. La presidente ha quindi sottolineato la necessità che Ast “acceleri il più possibile i tempi per la realizzazione di una adeguata impiantistica per il recupero ed il trattamento delle scorie, recuperando anche i ritardi accumulati”. (93)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini