L'evento al Cortile d’Onore della Rocca Albornoziana. Dalle ore 9.30

1SPOLETO – Dopo il successo della 3° edizione dell’esposizione nazionale canina Città di Spoleto, svoltasi lo scorso agosto a Monteluco, con più di 170 soggetti iscritti, location della 1° edizione dell’esposizione canina natalizia sarà, domenica 10 dicembre (dalle ore 9.30 alle 16.30) la splendida cornice del cortile delle armi della Rocca Albornoziana. Partecipano al concorso anche cani attualmente ospiti del Canile comunale di Spoleto. È prevista anche una raccolta fondi di beneficenza per il canile.

Il programma prevede il concorso per i meticci e per i giovani presentatori dai 4 ai 14 anni. Alle ore 9.30 è previsto l’arrivo degli espositori, dalle ore 10.30 inizio giudizi singoli fino al termine. Dalle ore 12.30 alle ore 14.00 ci sarà una libera uscita con la possibilità di scendere e pranzare nei vari ristoranti del centro storico, passeggiare per il centro storico e visitare i vari monumenti della città. Dalle ore 14.30 inizio dei best in show finali. Il termine della manifestazione è previsto per le ore 16.30 circa.

“Sarà un’altra fantastica giornata all’insegna del rapporto e dell’amicizia tra l’uomo ed il suo amico a 4 zampe – ci dice Gianluca Gori, coordinatore della manifestazione organizzata dal comprensorio Spoletino dell’Arcicaccia – invitiamo tutti a venirci a trovare domenica, all’interno del cortile delle armi della Rocca Albornoziana, uno dei monumenti più belli al mondo. Ringraziamo di cuore la Regione Umbria, la soprintendenza alle belle arti, L’amministrazione comunale nella persona dell’assessore Vincenza Campagnani, l’Assorocca e tutte le persone che hanno lavorato all’iniziativa”.

Per iscriversi, fino venerdì 8 dicembre, è possibile inviare una mail a preiscrizioni@dogshowspoleto.it scrivendo i dati dei cani e del proprietario. Non è richiesto il pedigree ma solamente il microchip. Altre informazioni si possono trovare sulla pagina facebook “esposizione nazionale canina città di Spoleto”.

  (115)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini