Tanti incidenti causati da persone che hanno alzato il gomito

1UMBRIA –  E’ di Giulia il primo vagito del 2018 che ha rallegrato il reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Terni: la piccola è nata da parto spontaneo alle ore 1,52 del 1 gennaio e alla nascita pesava 2,975 chilogrammi. È figlia di genitori italiani residenti a Terni: Francesca e Marco.

È stato fiocco rosa anche per l’ultimo parto del 2017: la bambina, sempre di Terni, si chiama Agata ed è venuta alla luce alle ore 14,51 del 31 dicembre con un peso di 3,320 chilogrammi. Con Agata il punto nascita di Terni ha festeggiato la 1255esima  nascita del 2017 (di cui 16 gemellari).

Al momento una donna è in travaglio ed entro pochissime ore verrà alla luce un maschietto, il secondo nato del 2018.

Notte più tranquilla rispetto agli altri anni al Pronto Soccorso dell’ospedale di Terni che, dopo la mezzanotte, ha registrato circa 40 accessi e quasi nessuno riconducibile ai festeggiamenti della notte di San Silvestro, con l’eccezione di pochissimi casi non gravi: un quindicenne ubriaco, un ragazzino con arrossamento degli occhi e due trentenni protagonisti di una rissa.

All’ospedale di Città di Castello non è nato nessun il 31 dicembre e neppure nel primo giorno del 2018. Il totale dei parti nel 2017 è stato di 635. Sempre a Castello, una bambina di 8 anni è stata medicata per scoppio di un petardo
che l’ha colpita alla testa, in sede parietale destra, vicino orecchio. Ha riportato solo una lieve ustione primo grado, lievi bruciature su berrettino e capelli.
Per abuso di alcool
un 18enne è stato accompagnato in ospedale per agitazione.

Aveva alzato il gomito durante i festeggiamenti in piazza. Medicato un 26enne per una ferita da taglio alla mano destra con lesione tendinea. Ha dichiarato di aver bevuto troppi alcolici. E’ stato ricoverato, invece, per politrauma con fratture multiple
un uomo investito in strada da un’auto dopo aver assunto alcolici; ha invece inciampato mentre ballava in discoteca una donna 41 anni
 che ha riportato un trauma del ginocchio.

Nessun ricoverato all’ospedale di Umbertide. All’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino, Branca l’ultimo nato 2017 è venuto alla luce ore 22.22. Si chiama Lorenzo, e peso 3,250 kg. Nel 2017   il  totale dei part è stato di 415. Nessun nato nel primo giorno del 2018. Hanno invece fatto ricorso alle cure dei sanitari un uomo per trauma facciale e abuso etilico; un altro ha ricevuto il tappo di sughero dello spumante in un occhio.

All’ospedale di Assisi due accessi al Pronto Soccorso:   entrambi per abuso etilico.

All’Ospedale Media Valle del Tevere, Pantalla, nessun nato il 31 dicembre scorso e neppure il primo gennaio 2018. Il totale dei parti nel 2017 è stato di  325.

Al Pronto Soccorso si è presentato dopo   la mezzanotte un ferito per i botti. Ha riportato ustioni alla mano destra; due i casi di abuso etilico.

All’ospedale di Castiglione del Lago due casi per abuso etilico, di cui 1 giunto con il 118 di Passignano sul Trasimeno.


All’ospedale di Perugia nessun ferito a causa dei botti. I vigili del fuoco, però, sono dovuti intervenire per spegnere i cassonetti in fiamme a causa dei petardi. Sei invece gli interventi del 118 per abuso di alcol che hanno causato anche incidenti stradali. Dalle schede degli operatorio sanitari, la vodka è risultata la più bevuta.

A Bastia incidente, stradale dopo le 2.30 della notte scorsa sulla Assisana, in zona Campiglione. Fortunatamente, nonostante gli ingenti danni ai mezzi, nessun ferito. Lieve sinistro intorno alle 4 anche a Ponte Rio, dove un uomo ha perso il controllo del veicolo ed è finito fuori strada, senza riportare gravi ferite. Incidenti anche lungo via Pievaiola, nei pressi di Strozzacapponi, e in strada Pian della Genna a Ponte della Pietra. Nel primo caso, un’auto ha centrato un palo della luce, nell’altro invece il veicolo si è cappottata finendo in un fosso. Nessu ferito.

 

 

  (163)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini