La nostra regione sigla un accordo con il tour operator di stato cinese

1PERUGIA – L’Italia è sempre più al centro degli interessi dei turisti cinesi, basti pensare che questi, nel 2016, sono stati oltre 1,3 milioni, segnando un + 5% rispetto all’anno precedente. L’Umbria, con le sue 100 mila presenze all’anno, rappresenta una destinazione turistica apprezzata ma con forti margini di crescita.

Con “Italia 2018 top destination”, ovvero, il recente accordo che alcune Regioni italiane, tra cui l’Umbria, stanno siglando con il colosso del turismo cinese CITS si punta al potenziamento dell’incoming turistico cinese attraverso la valorizzazione delle mete turistiche più importanti del Paese.

Nei giorni scorsi il General Manager outbound di CITS, tour operator di Stato che vanta 50 uffici in tutte le Regioni della Cina, 1800 agenzie e la gestione di oltre 30 milioni di turisti cinesi nel mondo, Zhang ChunLei, è stato in visita in Umbria, a dimostrazione che la regione può essere una nuova meta d’appeal per il turista cinese.

Forte dell’accordo raggiunto con l’assessorato al turismo della Regione Umbria il General Manager di CITS ha visitato il capoluogo regionale oltre a tre borghi umbri, incontrando anche i rappresentanti dei comuni di Spello, Todi, Assisi e Perugia. L’auspicio dell’assessorato al turismo regionale è quello di aver creato le condizioni migliori per un primo approccio finalizzato alla scoperta del territorio umbro affinché già nell’immediato CITS possa creare pacchetti turistici da promuovere sull’intero mercato cinese. (185)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini