Tutto pronto per le “Tappe della Fascia olivata”. Sabato la partenza da Foligno. A Villa Fabri il convegno “Bici quanti benefici”

1TREVI  – Tutto pronto per l’arrivo della Tirreno-Adriatico. Domani la corsa ciclistica a tappe arriverà a Trevi (a partire dalle ore 14.30), mentre il giorno seguente è prevista la partenza da Foligno (dalle ore 9 in poi).

2Le due “Tappe della Fascia olivata” entrano nel vivo e in attesa di vedere sfrecciare i grandi campioni del ciclismo mondiale sulle nostre strade, a Villa Fabri di Trevi si è svolto il seminario “Bici quanti benefici” organizzato in vista dell’arrivo della corsa. A fare gli onori di casa l’assessore Dalila Stemperini e il vicesindaco Paolo Pallucchi in rappresentanza del Comune di Trevi, mentre per il Comune di Foligno presente il vicesindaco Rita Barbetti. I tre amministratori ha sottolineato l’importanza di eventi come la Tirreno-Adriatico che offrono una vetrina eccezionale per la promozione del territorio e riescono ad unire cittadini e appassionati che sono attesi numerosi lungo il tracciato.

3Sono stati quattro ex professionisti umbri delle due ruote, Mauro Monarca, Roberto Chiappa, Fortunato Baliani e Massimiliano Gentili, ad analizzare tecnicamente la tappa di Trevi, evidenziandone le asperità dovute alla salita finale e sottolineando come le due tappe umbre saranno un passaggio fondamentale per capire chi può vincere la Tirreno-Adriatico 2018.

Si è parlato invece di sport, salute e biomeccanica durante il convegno “Bici quanti benefici”, aperto dal dottor Franco Santocchia che ha riportato i dati di alcuni studi in cui si evidenzia che andare in bicicletta riduce la depressione e che le due ruote, attraverso iniziative come il bike sharing, rappresentano un’occasione di sviluppo e di tutela dell’ambiente.

Il dottor Alessandro Fioretti, invece, ha ricordato i tanti benefici della pratica sportiva ciclistica: da quelli per l’apparato cardiovascolare a quello respiratorio passando per quello muscolo-scheletrico fino al sistema nervoso. Sono stati Silvia Baronci, fisioterapista e Marco Orsini, biomeccanico, a spiegare infine e da diverse angolature, l’importanza della pratica sportiva a due ruote fatta secondo le regole di una giusta postura che permette di ridurre rischi e migliorare le prestazioni.

Trevi e Foligno: tutte le modifiche alla viabilità

Per quanto riguarda Trevi, l’amministrazione comunale ha previsto le seguenti limitazioni al traffico: dalle ore 07.00 fino alle ore 20.00 del giorno 9 marzo 2018 sarà interdetta la circolazione stradale in Piazza Garibaldi per il montaggio delle strutture d’arrivo della manifestazione ciclistica. L’area sarà opportunamente transennata. L’uscita e l’entrata dal centro di Trevi Capoluogo dovrà avvenire in Via Fantosati o in via Coste, ove sarà istituito il doppio senso di circolazione.

Si potrà parcheggiare presso gli impianti della piscina comunale, il parcheggio antistante la casa di riposo Carlo Amici, alla Chiesa delle Lacrime e al nuovo parcheggio di Piaggia.

Per le frazioni interessate dal passaggio (Cannaiola, Borgo Trevi, Parrano, Bovara, Pigge) le strade verrano chiuse dalle 14 fino ad avvenuto transito dei ciclisti. Si comunica che verrà istituito un servizio navetta da Borgo Trevi (campo sportivo) a Trevi Capoluogo dalle ore 10:00 alle ore 17:00. Per informazioni sulla viabilità rivolgersi allo Sportello del Cittadino allo 0742/332226

A Foligno, invece, in vista della partenza del 10 marzo, è stato istituito il divieto di sosta con rimozione in diverse zone. L’interdizione sarà attiva dalle ore 15 dell’8 marzo alle 14 del 10 marzo in piazza Faloci e piazza Matteotti, dalle 18 dell’8 marzo alle 14 del 10 marzo invece in via Mazzini (area sottostante piazza Matteotti) e via Passeggiata dei Canapè.

In alcune aree il provvedimento prenderà il via il giorno precedente la corsa, quindi dalle ore 8 del 9 marzo alle 14 del 10 marzo in via Santa Maria Infraportas (tratto compreso da piazza San Domenico a via Marconi), Largo Frezzi e piazza del Suffragio, dalle 14 del 9 marzo alle 14 del 10 marzo nelle seguenti zone: via Guarrella, via Madonna delle Grazie, via Marconi, via Santa Maria Infraportas (tratto compreso da via Marconi a Porta Todi), piazza del Grano. Altre aree saranno invece interessate dal divieto di sosta con rimozione dalle 20 del 9 marzo alle 14 del 10 marzo:

piazza San Francesco, via Rutili, via Garibaldi (il tratto compreso da Largo Carducci a via Umberto I), via Umberto I, via Oberdan (tratto compreso da via Umberto I a corso Cavour), via Chiavellati, via Gramsci, viale Roma, via XX Settembre e via Cairoli. L’ordinanza istituisce, nelle medesime zone, anche il divieto di circolazione in determinate fasce orarie nel giorno della corsa.

Dalle 04 alle 13 del 10 marzo in piazza Faloci, piazza Matteotti, via Mazzini, area sottostante piazza Matteotti, (l’orario della Ztl in via Mazzini verrà anticipato a partire dalle 04 del 10 marzo) e via Passeggiata dei Canapè, nelle restanti aree non si potrà circolare invece dalle 06 alle 13 dello stesso giorno: via S. Maria Infraportas (tratto compreso da piazza San Domenico a via Marconi), Largo Frezzi, piazza del Suffragio, via Guarrella, via Madonna delle Grazie, via Marconi, via S. Maria Infraportas (tratto compreso da via Marconi a Porta Todi),

piazza del Grano, piazza San Francesco, via Rutili, via Garibaldi (tratto compreso da Largo Carducci a via Umberto I), via Umberto I, via Oberdan (tratto compreso da via Umberto I a Corso Cavour), via Chiavellati, via Gramsci, viale Roma, via XX Settembre, via Cairoli. Per quanto riguarda il parcheggio di via N. Sauro, nell’area sottostante il Parco dei Canapè,

non si potrà né sostare né circolare dalle 14 dell’8 marzo fino alle 14 del 10 marzo. Sempre nella giornata del 10 marzo, dalle 08:00 fino al termine della manifestazione, sarà istituito il divieto di circolazione all’interno del centro storico, eccetto residenti ed autorizzati, con interdizione nei seguenti incroci: via XX Settembre – piazza S. Giacomo (varco Ztl Via XX Settembre), l’incrocio di via Garibaldi con piazza Giacomini (varco Ztl di via Garibaldi), l’incrocio di via Cairoli – via Chiavellati, la rotatoria di piazzale A. Cantarelli, via Madonna delle Grazie, via S. Maria Infraportas; – rampa di via N. Sauro incrocio via Chiavellati, via Oberdan incrocio via Umberto I,

l’incrocio di via S. Giovanni dell’Acqua – via Pascoli (varco Ztl di via S. Giovanni dell’Acqua). In via N. Sauro (tratto compreso tra via Cairoli e P.le Alunno) sarà istituito il divieto di circolazione, dalle 09.30 del 10 marzo fino al passaggio della corsa ciclistica, con sbarramenti nei seguenti incroci: – via N. Sauro – via Palombaro (con deviazione traffico da via N. Sauro a via Palombaro) – via N. Sauro – via Mesastris (con deviazione traffico da via N. Sauro a via Mesastris) – via N. Sauro – via Cairoli. Nel tratto compreso tra via Cairoli e via Mesastris, dalle 9,30 fino al passaggio della corsa ciclistica, verrà istituito il doppio senso di circolazione per consentire l’uscita dei veicoli provenienti dal parcheggio pubblico e privato delle “Scale” e dei residenti del tratto interdetto.

Varchi sospesi – La Ztl di via XX settembre, via Garibaldi, via San Giovanni dell’Acqua, via Mazzini verrà sospesa dalle ore 19,30 del 9 marzo alle 01 del 10 marzo. Modifiche alla circolazione stradale per il traffico residenziale in uscita dal centro storico nelle seguenti zone:  residenti zona via Mazzini

(via Mazzini → Via Cairoli (con istituzione doppio senso di circolazione) → Via N Sauro con obbligo di proseguire verso P.le Unità d’Italia), residenti zona via P.zza del Grano/Via Gramsci I tratto (via Gramsci → via Saffi → via Cairoli → via N. Sauro con obbligo di proseguire verso P.le Unità d’Italia ), residenti zona via Isolabella / via Pascoli (via Pascoli → via Ciri → via XX Settembre → via Gentile da Foligno → Bolletta), residenti zona via XX Settembre/Conce (via Meneghini → via Gentile da Foligno). Sospese anche tutte le concezioni per l’occupazione del suolo pubblico, dalle 06 alle 12 del 10 marzo nelle seguenti piazze e vie: pizzetta Duomo – piazza Faloci – via Garibaldi (tratto da via Umberto I a L.go Carducci) – via Umberto I – via Oberdan (tratto da via Umberto I a Corso Cavour) – via Chiavellati – Parco dei Canapè – via S. Maria Infraportas – piazza San Domenico – L.go Frezzi – via Gramsci – Corso Cavour – piazza del Grano – via Mazzini.

Cos’è la Fascia olivata. La “Fascia olivata Assisi-Spoleto” è un paesaggio pedemontano appenninico di oltre 40 chilometri, patrimonio unico e irripetibile, risultato millenario di cultura non di natura spontanea.

La coltivazione dell’ulivo rappresenta un esempio di paesaggio culturale vivente ovvero un’opera combinata della natura e dell’uomo. Dopo aver conseguito dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali il riconoscimento di “Paesaggio storico”, la “Fascia olivata Assisi-Spoleto” punta dritto al riconoscimento del suo paesaggio ricco di biodiversità all’interno del “Programma Giahs” (Globally important agricultural heritage systems) della Fao, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

E’ stata infatti depositata, presso il Mipaaf, la candidatura ufficiale per far rientrare la Fascia Olivata tra i siti Giahs, ovvero quei patrimoni e sistemi agroculturali presenti nel mondo, dove l’agricoltura sostenibile si combina con lo sviluppo rurale e nei quali la gestione da parte di generazioni di agricoltori, l’utilizzo di pratiche adeguate, conoscenze ed esperienze locali, sono elementi che modellano e adattano il paesaggio e il sistema agricolo alle esigenze di sostentamento delle popolazioni locali.

  (235)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini