Nuova navetta dotata di pedana per il trasporto disabili in funzione dal 1 marzo. Sono circa 16mila gli utenti che dall’attivazione hanno usufruito del servizio gratuito. Landrini: “Il servizio rientra nel progetto per un centro storico più attrattivo, accogliente e accessibile”

cofSPELLO – Un servizio sempre più efficiente grazie a una nuova navetta dotata di pedana per il trasporto di disabili che permetterà di raggiungere in maniera più agevole il centro storico e soprattutto il Centro Salute. E’ attiva dal 1 marzo la nuova navetta di “In Bus al Centro”, il servizio di collegamento gratuito per il centro storico promosso dal Comune di Spello partito lo scorso 1 settembre.

Il numero degli utenti che giornalmente lasciano l’auto in sosta nei diversi parcheggi adiacenti alle mura testimoniano come il servizio sia entrato nell’uso quotidiano dei cittadini: negli ultimi 6 mesi sono stati circa 16mila registrando un’affluenza mensile di circa 3.000 persone.

La maggiore concentrazione si segnala nella fascia oraria delle 7.30 -9.30 con il “collegamento veloce” che garantisce in particolare agli alunni accompagnati dai genitori, al personale delle scuole, ai componenti dell’associazione “Amici del Cuore Valle Umbra” e ai cittadini, di raggiungere con facilità dal Parcheggio delle Querce i servizi presenti in piazza della Repubblica.

“I dati relativi al numero di utenti – commenta il sindaco Moreno Landrini – dimostrano l’utilità di un servizio gratuito fortemente voluto dall’Amministrazione comunale per assicurare una migliore fruibilità del centro storico e dei servizi presenti. “In Bus al Centro” rientra nell’ambito del più ampio progetto del centro storico che guarda al futuro e vede la sua progettualità nel QSV– Quadro strategico di valorizzazione per rendere il centro più attrattivo, accogliente e accessibile.

La sfida è, infatti, quella di mettere in atto un equilibrio tra le differenti necessità dei soggetti come residenti, attività commerciali, utenti e turisti, e questo è possibile solo facendo ricorso a nuovi strumenti, nuove tecnologie, nuove infrastrutture e nuovi stili di vita che sono quelli dell’accessibilità, della diminuzione della pressione delle macchine con l’aumento della pedonalità e della sostenibilità delle città stesse”.

Il primo cittadino ricorda che in questo percorso rientra anche il completamento del percorso meccanizzato di collegamento tra i parcheggi di via della Liberazione e Piazza della Repubblica, previsto nella sia programmazione del Piano delle Opere pubbliche comunali che in quella regionale.

“L’impegno di questa Amministrazione è di arrivare quanto prima al finanziamento regionale di questa opera ormai indispensabile per il centro storico afferma il sindaco –. La disponibilità al finanziamento già manifestata dalla Regione al completamento dell’iter ha visto un rallentamento a causa dei recenti eventi sismici che hanno spostato le attenzioni e le programmazioni regionali verso l’area colpita dal sisma”. Tra gli obiettivi rientrano inoltre i lavori, già finanziati e di prossima realizzazione, di miglioramento del Piazzale delle Querce, la puntuale destinazione dei parcheggi dopo questa fase di sperimentazione e la ormai indispensabile ridefinizione da parte degli uffici della Polizia Municipale dei permessi rilasciati per il Centro storico.

Si ricorda che il servizio “In Bus al centro” è attivo tutti giorni feriali con due collegamenti, uno “veloce” dalle ore 7.30 alle 9.30 e dalle ore 11.30 alle 12.30 con una corsa ogni 10 minuti di andata e ritorno dal Parcheggio delle Querce a Piazza della Repubblica, e uno “lungo” dalle ore 9.30 alle 11.30 che collega il centro con i principali parcheggi della città; ogni mercoledì è previsto un servizio, sempre gratuito, tra il centro storico e le frazioni di Capitan Loreto, San Felice, Limiti, Acquatino e Cà Rapillo.

La prima corsa è alle ore 9.00 da via Mausoleo e l’ultima alle 12.00 da Piazza della Repubblica. Tutte le informazioni relative agli orari delle corse sono consultabili sul sito del Comune di Spello (www.comune.spello.pg.it) o allo Sportello del Cittadino (0742.300050).

 

 

  (189)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini