0AMELIA – Sono stati minuti molto concitati quelli della tarda serata di ieri ad Amelia. Fuori da un noto bar nel centro del paese, cinque giovani, residenti nel comprensorio narnese, hanno aggredito violentemente un ragazzo del luogo intento a prendere le difese della propria fidanzata, la quale era stata fatta oggetto di molestie da parte del gruppo.

Spintoni, calci, pugni ed alla fine anche delle coltellate raggiungevano il povero malcapitato ferendolo, fortunatamente in maniera non grave.

I cinque uomini si allontanavano poi a gran velocità su un’auto scura in direzione di Orvieto. Intanto la ragazza, sconvolta per quanto accaduto, contattava il 112 ed il 118 dando l’allarme. Subito si è attivata una caccia all’uomo che ha impegnato i Carabinieri della Compagnia di Amelia su tutto il territorio.

A seguito di immediate e mirate indagini volte all’individuazione dei soggetti e, di un serrato ed incessante controllo delle vie di comunicazione, i Carabinieri sono riusciti ad intercettare i cinque soggetti nei pressi di un bar di Narni Scalo.

I cinque venivano quindi tratti in arresto e portati in caserma per gli atti di rito, in attesa del processo per direttissima. Dovranno rispondere dei reati di rissa, lesioni aggravate e porto abusivo di arma da taglio.

Il sindaco  di Amelia, Laura Pernazza, in una nota ringrazia i carabinieri per l’operazione che ieri ha portato all’arresto di cinque giovani responsabili di una rissa e accusati di lesioni aggravate e porto abusivo di arma da taglio.

“In settimana – afferma la Pernazza – si è tenuta grazie alla collaborazione della polizia di Terni anche una campagna eccezionale di controlli sul territorio. La presenza delle forze dell’ordine e il loro costante impegno, nonostante la carenza dei mezzi a disposizione – dice ancora il sindaco – contribuisce a prevenire certi tipi di reati e garantisce la  sicurezza pubblica. Per questo alle forze dell’ordine stesse va il nostro ringraziamento come istituzioni e anche a nome dei cittadini”.

  (199)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini