Domani venerdì 6 aprile, Agriumbria apre i cancelli. Si entra subito nel vivo: biodiversità, agricoltura di precisione, filiera delle carni, multifunzionalità delle imprese

Agriumbria 2017BASTIA UMBRA Tanti e di stretta attualità i temi al centro della prima giornata di Agriumbria. Taglio del nastro per la 50a edizione di Agriumbria in programma venerdì 6 aprile, alle 9.15, presso il centro congressi di Umbriafiere a Bastia Umbra.

Da quel momento e per tre giorni (la fiera prosegue fino a domenica 8 aprile) l’Umbria sarà al centro del Paese per quanto riguarda i temi legati all’agricoltura, alla zootecnia e all’agroalimentare. Tante le aziende e le eccellenze nazionali e regionali presenti in fiera, molti gli operatori e gli addetti ai lavori che terranno incontri e convegni tecnici su nuovi modelli di business, sostenibilità, modelli di impresa agricola e agrozootecnica, mercati interni e internazionali.

Tante la presentazioni di nuove macchine e soluzioni; diverse le anteprime di nuove filiere e di prodotti del sistema agroalimentare. Presenti anche delegazioni straniere provenienti da Tunisia e Balcani, a dimostrazione del valore raggiunto dalla fiera.

All’inaugurazione interverranno Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbria; Fernanda Cecchini, Assessore alle Politiche agricole della Regione Umbria; Stefano Ansideri, Sindaco del Comune di Bastia Umbra; Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio di Perugia e Lazzaro Bogliari, Presidente Umbriafiere Spa. Interverranno anche rappresentanti del Governo tunisino e di Federunacoma (Federazione nazionale costruttori macchine agricole).

VENENDO AI TEMI

Alle 15, biodiversità in campo e nuove filiere dall’Umbria con gli interventi di Massimiliano Brilli, amministratore unico 3A – PTA e Fernanda Cecchini, assessore Agricoltura Regione Umbria, dove saranno analizzate le esperienze territoriali di valorizzazione della biodiversità di interesse agrario della Regione Umbria, quali: fagiolo di Cave di Foligno, proloco di Cave; pomodoro di Mercatello di Marsciano, azienda Rinaldi; pomodoro Cesarino di Madonna del Piano, Associazione pomodoro de Cesare; Casa dei semi del Trasimeno, Azienda Melagrani; Frutteti dimostrativi, Meleto di Ponte Pattoli, 3APTA e Azienda Sett’Olmi; Grero di Todi, Cantina Zazzera; Merangolo di Ferentillo, Azienda La Drupa; Olivo Ornellona e Ròssola di Amelia, Uneo Longhi; Capra della Valnerina, Jacopo Coccia.

Alle 10, economie nelle lavorazioni dei campi: contoterzista o mezzi propri, facciamo i conti a cura di Anga Umbria (Associazione nazionale giovani agricoltori Confagricoltura).

Alle 10 meccatronica agricola, incontro rivolto agli studenti per promuovere corsi e mestieri legati alla meccanizzazione in agricoltura.

Alle 10.30 Bovino da carne, allevare in salute tra farmaco, uomo e zootecnia con gli interventi di Roberto Nocentini, presidente AIA; Luca Panichi, presidente ARA Umbria e ANABIC, Stefano Pignani, direttore associazione regionale.

Alle 11 Conferenza Stampa EIMA SHOW UMBRIA 2018, prove in campo di macchine e mezzi per l’agricoltura di precisione.

Alle 11.30 carni in Umbria si può fare! Cooperativa tra allevatori: una storia di successo.

Alle 14 Multi.park, modelli di innovazione per la multifunzionalità e la sostenibilità delle aziende agricole nelle aree Parco, con gli interventi di Fernanda Cecchini, Assessore Agricoltura Regione Umbria; Bruno Palazzetti, dirigente del Servizio patrimonio della Provincia di Perugia; Francesco Martella, presidente Federazione regionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali dell’Umbria; Ciro Becchetti, dirigente Agricoltura, Cultura e Ambiente della Regione Umbria.

A seguire V.I.S.T.A. Vetrina Informatica per Sistemi di Trasparenza nell’Agroalimentare e

La nuova PAC: da imprenditore attivo a imprenditore genuino. Alle 15 agricoltura di precisione, uno strumento per la crescita del vero made in Italy, a cura di Coldiretti Umbria.

La 50a edizione si preannuncia come un’edizione ancora più ricca: la mostra mercato, che vedrà oltre 450 espositori in rappresentanza di oltre 2.500 aziende e industrie presenti o rappresentate dalla rete commerciale, offrirà una panoramica generale e organica dell’innovazione tecnologica raggiunta nei differenti settori merceologici. La manifestazione si conferma come uno dei momenti centrali per l’imprenditoria e l’industria agricola e agrozootecnica nazionale e umbra, un evento capace di attirare addetti ai lavori e pubblico davvero da tutta Italia.

 

 

  (175)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini