Oltre 50 gli espositori presenti alla 14esima edizione che va avanti fino al primo maggio. Oltre alla mostra mercato anche musica, teatro all’aperto, degustazioni e passeggiate nel verde

1SANT’ANATOLIA DI NARCO – Una natura nel pieno del suo vigore fa da cornice all’evento ‘Primavera in Valnerina’ che si è aperto sabato 28 aprile a Sant’Anatolia di Narco, all’interno della mistica Abbazia dei santi Felice e Mauro, e proseguirà fino al primo maggio esprimendo il meglio del giardinaggio e del florovivaismo. Oltre 50 gli espositori presenti alla 14esima edizione, produttori di piante più o meno rare, ma ad arricchire il programma della manifestazione ci sono anche musica e teatro all’aperto, degustazioni di specialità locali e passeggiate nel verde.

2“Primavera in Valnerina – ha dichiarato Tullio Fibraroli, sindaco di Sant’Anatolia di Narco – è la meta perfetta per una gita fuori porta, per stare a contatto con la natura e ammirarla in tutta la sua bellezza di piante, fiori e paesaggi. Vale la pena, poi, visitare il nostro borgo e i suoi dintorni, ricchi di fascino e storia”.

Nella mostra mercato il visitatore potrà ammirare e acquistare una vastissima varietà di fiori e piante, dallo zafferano agli agrumi di Sicilia, dalle piante da orto fino a quelle più insolite, e incontrare fornitori di servizi per il verde e macchine da giardino. Tanti, poi, gli eventi collaterali.

Domenica si parte con i canti d’amore, pace e lavoro proposti dalla Nuova Brigata Pretolana alle 11, una passeggiata lungo il fiume Nera alle 12, e la presentazione della guida ‘Trekking del Nera’ a cura della commissione Tutela ambiente montano della sezione di Terni del Club alpino italiano alle 15. Alle 16.30, ancora, i prati circostanti il complesso medievale accoglieranno la terza tappa del festival musicale ‘Correnti del Nera – Campanili vivi’ durante la quale si esibiranno dj Sbs, Sonidumbria e Tetraktis percussioni. Visite guidate alla scoperta di piante aromatiche e officinali sono, invece, in programma lunedì 30 aprile, alle 16, a cura della fattoria didattica ‘Zafferano e dintorni’ (prenotazioni: 349.5245022), mentre alle 17 MaMa Umbria international metterà in scena ‘Voci dalla terra – Spettacoli e confronti dedicati alla terra’.

Nella giornata di chiusura, martedì primo maggio, ad accompagnare con la musica il pomeriggio sarà la marching band ‘Gli sbandati’. Alle 16.30 Leonardo Paoluzi ed Enrico Bini terranno un incontro sul tema ‘Le erbe e la salute’ e subito dopo si svolgerà la seconda edizione del premio ‘Casa che vai, crescionda che trovi’, gara-degustazione di crescionde, dolce tipico locale, a cura di Fidapa Spoleto. A chiudere la manifestazione sarà, infine, la musica di dj Sbs.

Non mancheranno attrazioni per far divertire i bambini, gonfiabili, bolle di sapone, truccabimbi e passeggiate in dorso agli asinelli. Ci saranno anche piccoli artigiani locali specializzati nelle lavorazioni in vimini e ferro battuto e un angolo degustazione dei prodotti tipici della Valnerina e delle aree colpite dal sisma con salumi, formaggi, lenticchie, olio, peperoncino, vino, farro, birra artigianale, saponi e creme naturali. Il Gruppo infioratori Avis di Spello realizzerà, infine, un grande quadro floreale. L’evento è realizzato con il contributo del Gal Valle Umbra e Sibillini, Psr per l’Umbria 2014-2020 Misura 19.3 l’Europa investe nelle zone rurali.

 

(174)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini