PARTECIPERANNO ANCHE UNA DELEGAZIONE DEL COMMISSARIATO DI ASSISI CON LA DIRIGENTE FRANCESCA DI LUCA

1PERUGIA – Il prossimo 22 maggio 2018, alle ore 17:00 prenderanno il via le iniziative di #PalermoChiamaItalia con la partenza della “Nave della legalità”.

Dal porto di Civitavecchia il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e le autorità presenti saluteranno gli oltre 1.000 ragazze e ragazzi che, accompagnati dai loro insegnanti e dirigenti scolastici, saliranno a bordo dell’imbarcazione diretta a Palermo.

A salpare saranno le studentesse e gli studenti degli istituti di primo e secondo grado di tutta Italia, selezionati nell’ambito del concorso nazionale “Angeli custodi: l’esempio del coraggio, il valore della memoria”.

Il concorso è stato indetto dal MIUR e dalla Fondazione Falcone, in collaborazione con la Polizia di Stato, per riflettere sul sacrificio di uomini e donne che, nel tutelare servitori dello Stato come i giudici Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, si sono battuti per affermare i valori della giustizia e della libertà nel nostro Paese.

Durante la navigazione sono in programma attività didattiche e dibattiti dedicati all’educazione alla cittadinanza attiva e alla lotta alle mafie.

Quest’edizione vedrà la presenza sulla nave anche di un’aliquota di personale del Commissariato P.S. di Assisi tra cui il Dirigente Dr.ssa Francesca Domenica Di Luca nonché di una rappresentanza dell’”Istituto Bernardino Di Betto” di Perugia.

Gli studenti dell’Istituto d’arte porteranno la propria esperienza quali autori delle opere “Falcone e Borsellino” e “La strage di Capaci” presentate in occasione dell’evento “La Polizia di Stato incontra gli studenti” tenutasi lo scorso 17 aprile ad Assisi presso il Teatro Lyrick, alla presenza del Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Franco Gabrielli.

L’attracco della Nave della Legalità è previsto a Palermo, il 23 maggio, attorno alle ore 8.00. Ad attenderla, al porto, ci saranno le delegazioni delle scuole della città e di tutta la Sicilia. Dopo la cerimonia di benvenuto e i saluti introduttivi delle autorità, le studentesse e gli studenti si divideranno: una parte di loro si dirigerà verso l’Aula Bunker del Carcere dell’Ucciardone di Palermo per assistere alla cerimonia istituzionale, mentre il resto si sposterà a piazza Magione per partecipare alle attività organizzate per l’occasione.

  (143)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini