A Vallo di Nera torna “Fior di Cacio”, l’evento che celebra le produzioni casearie con educational, laboratori, convegni, degustazioni ed escursioni. Protagonisti dell’edizione 2018 i “Distretti del cibo”

1VALLO DI NERA – Legare filiere agroalimentari e territori attraverso finanziamenti ed opportunità di rilancio a livello nazionale. È la sfida per il futuro che la Valnerina si appresta ad affrontare grazie ai “Distretti del cibo”, il nuovo strumento previsto dalla legge di bilancio che vuole appunto garantire ulteriori risorse ed opportunità di crescita a filiere e territori.

E qual è il luogo migliore per iniziare a parlarne in Umbria? Di certo la sedicesima edizione di “Fior di Cacio”, l’evento che questo fine settimana (9 e 10 giugno 2018) a Vallo di Nera (Pg), nel cuore della Valnerina, celebrerà le produzioni casearie – in un contesto incantevole quale il piccolo borgo tra i più belli d’Italia – con un focus sugli strumenti innovativi per il rilancio della filiera, nell’anno internazionale del cibo italiano nel mondo.

Il principale evento in Umbria dedicato al formaggio, ma anche a zootecnia ed agricoltura, infatti, sarà l’occasione per analizzare nel dettaglio, insieme ad associazioni di categoria, ma anche di chi ha avviato già questo percorso, i distretti del cibo. Proprio a questi nuovi strumenti di valorizzazione del territorio sarà dedicato il convegno che aprirà domani mattina, alle 10.15, la due giorni ospitata in quello che è un vero scrigno architettonico.

Dopo i saluti del sindaco Agnese Benedetti e del presidente del Gal Giampiero Fusaro, parleranno del tema – moderati dal direttore del Corriere dell’Umbria Franco Bechis – Andrea Marchini, Ecocal, Giovanni Francesco Malanchini, sindaco di Spirano e del distretto agricolo Bassa Bergamasca, Albano Agabiti, presidente Coldiretti Umbria, Daniela Toccaceli, Accademia dei Georgofili.

Fior di Cacio 2018, però, proporrà anche un programma ricchissimo, fatto di degustazioni, educational alla scoperta del formaggio, laboratori sulla trasformazione del latte in cacio e sulla filatura della mozzarella, musica, folklore, animazioni per bambini.

In cartellone anche uno showcooking che vedrà protagonista lo chef di Norcia Andrea Battilocchi, del ristorante Beccofino, che preparerà la vera pasta alla Norcina. Ci saranno quindi tante escursioni alla scoperta del territorio circostante, tra cui la visita guidata tra i pascoli fino alle frazioni di Meggiano e Piedilacosta, con degustazione di prodotti tipici delle aziende agricole aderenti al partenariato “Vallo di Nera, Terra dei racconti e dei sapori” sostenuto dal Piano di sviluppo rurale.

A chiudere la due giorni sarà l’attesissimo arrivo in piazza Santa Maria della maxi ricotta di Fior di Cacio, che sarà offerta poi a tutti i presenti. (149)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini