FedAgriPesca è la maggiore organizzazione delle Cooperative agroalimentari e della pesca. Il Ministro all’Agricoltura Gian Marco Centinaio tiene a battesimo i ruoli apicali di Maneggia, Sembolini, Mori, Mattoni e Cataluffi

1PERUGIA – L’Umbria cooperativa del mondo agroalimentare e della pesca sarà per i prossimi quattro anni ai vertici nazionali degli Organi della neonata Confcooperative-FedAgriPesca, la maggiore organizzazione del mondo cooperativo nata dalla fusione delle storiche federazioni di Confcooperative, Fedagri e Federcoopesca.

La prima Assemblea Nazionale di Roma, che ha eletto alla presidenza nazionale della Federazione Giorgio Mercuri ed alla vice presidenza Paolo Tiozzo (con delega alla Pesca), ha visto la partecipazione dei delegati delegati delle Cooperative dell’Umbria, accompagnati dal Presidente Regionale di Confcooperative, Andrea Fora, e dal Direttore regionale, Lorenzo Mariani.

Saranno in cinque ad assumere ruoli apicali, a cominciare dal Presidente regionale Sergio Maneggia (Oleificio Cooperativo di Pozzuolo Umbro) che siederà nel Consiglio nazionale e dal vice Presidente regionale Valter Sembolini (Cooperativa dei Pescatori del Trasimeno) parte della Commissione ristretta della pesca con delega alle acque interne e quindi siederà di diritto nel Consiglio Nazionale di FedagriPesca.

Inoltre, Silvano Mori (Cooperativa Produttori Cereali di Deruta) è stato nominato ai vertici del Comitato Cereali e Servizi, mentre Nicola Mattoni (Cantina Cooperativa Terre de Trinci) nel Comitato Vino, insieme a Nazzareno Cataluffi (Cantina Tudernum) individuato come esperto.

Il nuovo organismo è stato tenuto a battesimo dal neo Ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio, secondo il quale è necessario disegnare un nuovo modello di agricoltura competitiva, “capace di affrontare i mercati internazionali sulla base di regole certe dentro e fuori dall’Unione Europea e con una strategia nazionale di promozione del Made in Italy, pensata e condivisa tra Governo e filiera. Tutte priorità già portate al tavolo europeo, dove – ha detto – bisogna essere sempre presenti per non subire le decisioni di altri”.

Significativi i contributi degli umbri Sergio Maneggia e Valter Sembolini che hanno condiviso i temi evidenziati dal Ministro “a partire dall’etichettatura del pescato e dei prodotti agricoli, con informazioni comprensibili per il consumatore; più controlli sui prodotti alimentari italiani e importati per garantire prodotti sani e di qualità ai consumatori; la lotta alla concorrenza sleale: tutti temi che hanno toccato la nostra sensibilità e incontrato il nostro favore.

Parimenti – concludono – auspichiamo che vada in porto, come preannunciato dal Ministro Centinaio, l’assegnazione allo stesso della Delega al Turismo per poter affrontare in maniera più convincente ed efficace le campagne promozionali e di marketing in Italia ed all’estero”.

Confcooperative-FedAgriPesca è la maggiore Associazione di rappresentanza del mondo Cooperativo agroalimentare e della Pesca con 3.300 cooperative aderenti, 430.000 aziende agricole socie e 29 miliardi di euro di fatturato con i maggiori marchi dell’agroalimentare nazionale. Ed è sulla scorta di questi numeri che il Presidente nazionale di Confcooperative, Maurizio Gardini ha parlato di un sistema delle cooperative “che non può delocalizzare, perché rappresenta il 70% del latte, il 60% dell’uva, il 50% dell’ortofrutta e il 70% del pesce nazionale.

La nostra sfida è stata e sarà quella di creare filiere agricole competitive con rapporti di valore con l’industria e la distribuzione. Per questo chiediamo che le filiere e quindi le cooperative vengano messe al centro delle politiche nazionali e regionali perché sono tre volte italiane: lavoriamo infatti materia prima italiana, lavoriamo in Italia nel rispetto dei contratti collettivi di lavoro ed abbiamo sede in Italia dove paghiamo le tasse”.

Ai margini dell’Assemblea anche una Tavola Rotonda sul tema “A portata di Futuro” (affrontate le tematiche attinenti le tendenze del cibo tra presente e futuro), al termine della quale il Ministro Centinaio, insieme ai politici umbri Filippo Gallinella (Presidente della Commissione Agricoltura) e il Senatore Luca Briziarelli presenti ai lavori, si è a lungo soffermato con i Delegati umbri, raccogliendo favorevolmente l’invito a visitare presto le Cooperative Agroalimentari della cuore verde d’Italia e quelle della Pesca del Lago Trasimeno.

 

  (436)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini