Il cafè letterario a Castel Rigone ha chiuso il primo ciclo della rassegna culturale. L’autrice ha ripercorso le tappe dolorose ma fortificanti della sua vita

1PASSIGNANO SUL TRASIMENO – È ripreso nella suggestiva cornice della Piazzetta di Castel Rigone il ciclo di incontri de ‘L’Isola del libro Trasimeno’. Al cafè letterario della manifestazione sostenuta dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia, che si è svolto domenica 1 luglio, ha partecipato la ballerina e pittrice Simona Atzori, ammaliando il numeroso pubblico presente con la sua toccante storia, raccontata nel libro ‘La strada nuova’.

2Nelle sue pagine, l’autrice ripercorre le tappe dolorose ma allo stesso tempo fortificanti della sua vita, vissuta con forza nonostante il grave deficit delle braccia. Con commozione, Atzori ha ricordato il sostegno perenne dei genitori e di chi le è stata a fianco con amore, ma anche i pregiudizi dei coetanei nell’età dell’adolescenza, oltre che il costante sguardo addosso degli altri.

Molto toccante la riflessione, nello scambio di idee con il coordinatore di giornata Mario Mariano, sul tema della diversità, “concetto – ha affermato la scrittrice – appartenente più agli altri che alle persone portatrici di determinati disagi”. Altra tematica che emerge sfogliando ‘La strada nuova’ è quella legata alla capacità di reinventarsi senza arrendersi: all’età di sei anni l’autrice narra di aver iniziato a danzare, arrivando oggi a calcare i più importanti palcoscenici, e che ancora prima, a quattro anni, ha iniziato a dipingere con i piedi esponendo le sue opere in mostre collettive e personali internazionali.

Si è concluso così il primo ciclo di incontri de ‘L’isola del libro Trasimeno’, con la testimonianza di una donna forte e certamente da prendere come esempio come molte altre figure femminili che fanno da sfondo a questa sesta edizione. Il prossimo appuntamento con i cafè letterari è previsto per l’11 agosto. (75)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini