Un successo per l’evento firmato festival del cinema di Spello. Alla Sala Pegasus un pomeriggio dedicato alla musica e ai film in compagnia del mae-stro Federico Savina tra grandi compositori come Morricone, Rota e Piccioni

1SPOLETO -Tanti applausi e un crescendo di emozioni hanno scandito il pomeriggio di sabato 30 giugno nella Sala Pegasus di Spoleto, location d’eccezione per l’evento “I Giovani e la Musica per il Cinema”, promosso dal “Festival del Cinema Città di Spello ed i Borghi Umbri – Le Professioni del Cinema” e dalla Scuola Comunale di Musica di Bastia Umbra e condotto da Simona Fiordi.

2A riscuotere un grande successo di pubblico e l’apprezzamento dell’intera platea i giovanissimi allievi della scuola guidata da Egidio Flamini, che ancora una volta hanno dato prova della loro bravura e della loro dedizione. Diretti magistralmente dal maestro Fulvio Chiara, i musicisti hanno eseguito, dal vivo, colonne sonore originali in sincrono con le immagini dei cortometraggi d’animazione “Eidos” e “Monster Mom” realizzati dagli studenti Centro Sperimentale di Cinematografia di Torino.

A rendere ancor più suggestivo l’evento è stata anche la presenza del maestro Federico Savina, anima dell’originale format nato per il “Festival del Cinema Città di Spello ed i Borghi Umbri” della presidente Donatella Cocchini e del direttore artistico Fabrizio Cattani. Docente di tecnica del suono al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, il maestro Savina – che negli scorsi mesi ha preparato i giovani allievi di Bastia Umbra – ha accompagnato il pubblico in un viaggio tra i compositori di musica per il cinema con i quali ha collaborato nel corso della sua lunga carriera.

Raccontando aneddoti e curiosità su figure del calibro di Ennio Morricone, Nino Rota e Piero Piccioni ha alzato il velo su un mondo non sempre conosciuto dal grande pubblico. E per farlo si è servito non solo della propria voce narrante ma anche delle immagini e soprattutto di alcune delle più celebri musiche realizzate per i film ed eseguite da Simona Granelli al pianoforte e dallo stesso Fulvio Chiara che si è alternato tra la tromba, la fisarmonica e il flicorno ed accompagnate dalla voce di Simona Fiordi. Un’esplosione di parole, frame e note intervallate dagli applausi di una platea entusiasta.

A permettere il successo dell’evento il contributo di Gianfranco Callarello che ha costruito, attraverso la sua personale e profonda conoscenza del mondo cinematografico, l’ideale percorso di film come “La vita è bella”, “Il postino” e “Nuovo cinema paradiso” attraverso selezionati momenti a cui si sono accompagnate le colonne sonore proposte dal vivo dai due musicisti. A collaborare all’allestimento sonoro la dialoghista Maria Chiara Sbagaglia diplomata all’Università Unint di Roma per l’adattamento e realizzazioni delle sottotitolazioni, il maestro Enrico Minaglia di Roma per la stesura delle partiture per gli esecutori, Maurilio Romano come tecnico per la gestione  computerizzata dell’avvenimento e allestimento della sala e il sound designer americano Michael Magill. (136)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini