1CITTA’ DI CASTELLO – Due gemelli sono venuti alla luce alle ore 4.30 di mercoledì 18 luglio, nel reparto di Ostetricia e Ginecologia di Città di Castello, grazie al delicato intervento di taglio cesareo in emergenza, su una giovane donna marocchina, vittima di un’emorragia massiva.

I due nuovi nati sono in buona salute e, in via precauzionale, sono stati trasferiti presso la terapia intensiva neonatale dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. La mamma, per circa 12 ore, è stata in osservazione presso la Terapia intensiva e Rianimazione ed poi tornata nel reparto di Ostetricia.

La donna, di 31 anni, residente ad Umbertide, era stata ricoverata nel reparto di Ostetricia e Ginecologia domenica 15 luglio per accertamenti dovuti a dolori pelvici, anche se completamente fuori travaglio essendo di 35 settimane di gestazione. Alle ore 4.23 di mercoledì 18, la paziente ha chiamato l’ostetrica per una perdita di sangue che si è poi rivelata un’emorragia massiva per distacco intempestivo completo di placenta; vista la gravità del caso e l’emergenza, è stato eseguito un taglio cesareo di emergenza, portato a termine entro 7 minuti dal riscontro della sintomatologia.

L’equipe presente era composta da: Donatello Torrioli direttore dell’Ostetricia e Ginecologia, Salvatore Bono medico di guardia, Maria Cristina BocciLucia Rondina ostetriche in turno, Chiara Ciabucchi anestesista, Stefano Cristallini rianimatore, Miriam Castagnino pediatra e Gabriella Giannini infermiera.

Il distacco di placenta rappresenta in gravidanza una delle condizioni più gravi per mortalità fetale e materna ed avviene, secondo dati di letteratura, tra lo 0.5% e l’1% dei casi, considerando tutte le forme. La mortalità fetale avviene almeno nel 15 % delle forme lievi e può arrivare fino all’80% nelle forme gravi, come questa. Presso l’Ospedale di Città di Castello, tutto il personale della Ostetricia è stato addestrato per fronteggiare ogni emergenza ostetrica, attraverso uno specifico percorso formativo; pertanto, è potuto intervenire immediatamente, portandosi subito in Sala Operatoria. (163)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini