Sono stati selezionati per il maker faire di new york: “è questa la scuola che vogliamo”

1PERUGIA – “Si può innovare partendo dalle aule scolastiche? Spesso la scuola viene considerata un ambiente refrattario ai cambiamenti e lontano dalla realtà più pulsante e viva, ma, per sfatare questo luogo comune, ci ha pensato l’ITTS “A.Volta” di Perugia, che con ben due progetti, svolti dagli studenti di classi terze e quinte, ha superato una dura selezione e parteciperà al Maker Faire di New York 2018”.

2Così la dirigente scolastica dell’Istituto Volta di Perugia ha aperto la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina, nel Salone d’Onore di Palazzo Donini a Perugia, per illustrare il prestigioso riconoscimento che ha ricevuto l’Istituto perugino. “Questa – ha sottolineato la dirigente – è la scuola che vogliamo. Una scuola in cui protagonisti sono gli studenti che hanno la possibilità di ricevere conoscenza, grazie all’aiuto dei docenti, ma anche di sviluppare la loro creatività che può farli diventare protagonisti nel mondo del lavoro e sicuramente agevolare il loro inserimento”.

3“I risultati raggiunti da studenti ed insegnanti dell’Istituto Volta – ha sottolineato l’assessore regionale all’istruzione Antonio Bartolini – ci rendono orgogliosi e rappresentano un successo dell’Umbria intera che ancora una volta diventa protagonista a livello nazionale ed internazionale. Il percorso che porterà i progetti dei ragazzi di Perugia a New York nel prossimo mese di settembre può anche costituire un prototipo sul quale la Regione si attiverà nei prossimi mesi e che potrà mettere insieme scuola, aziende pubbliche ed imprese private per sviluppare innovazione e da questo punto di vista sarà molto utile il progetto del nuovo Monteluce a Perugia dove è prevista la realizzazione di un ‘living lab’, laboratorio di innovazione dell’Umbria”.

4Maker Faire è una grandissima fiera pensata principalmente per persone che guardano al futuro, creatori che esplorano nuove forme e nuove tecnologie, coinvolgendo tutti i campi della scienza, ingegneria, arte, e artigianato. L’anno scorso è stata visitata da circa 100.000 persone.

L’Istituto Tecnico Tecnologico Statale A.Volta di Perugia, con i suoi circa 1700 studenti e le sue sei specializzazioni, aveva già avviato questo percorso partecipando al Maker Faire a Roma nel 2016 con il progetto Ball Matic.

Il primo progetto che ha superato la selezione americana è il Ball Matic, uno sferulatore alimentare utilizzabile nella cucina molecolare. Con tale strumento è possibile produrre sfere alimentari tutte di ugual volume e in maniera molto veloce a partire da qualsivoglia liquido, come ad esempio succhi di frutta, sciroppi, acqua. Il progetto, sviluppato in collaborazione fra gli indirizzi chimico, meccanico e grafico, è stato interamente ideato, progettato e stampato in 3D all’ITTS Volta ed attualmente è in fase di brevetto. Visto il grande successo ottenuto, il progetto ha subito ulteriori sviluppi e in questa fase la scuola ha ritenuto opportuno proporlo al Maker Faire di New York.

Il secondo progetto accettato è “Smart Paper”, sviluppato nell’anno scolastico 2017/2018 e nato dalla collaborazione tra l’indirizzo informatico e chimico. Consiste nell’ideazione, progettazione e sviluppo di un dischetto di carta riciclata con all’interno un tag NFC. Quando due apparecchi NFC vengono accostati, viene creata una rete peer-to-peer tra i due ed entrambi possono inviare e ricevere informazioni. Il chip, una volta programmato tramite l’app sviluppata dagli studenti può svolgere varie funzioni: un semplice messaggio d’auguri, anche segreto, che non lascia traccia sul telefono del ricevente oppure l’attivazione di applicazioni attivabili in caso di emergenza. SmartPaper è un prodotto innovativo che unisce i mondi della tecnologia e del riciclo. Questo prodotto ha vinto la categoria “Impresa 4.0” della Bizfactory 2018 a Milano in una competizione di carattere nazionale.

A settembre la grande fiera di New York sarà una vetrina ancor più importante per mostrare e condividere queste idee innovative realizzate e promosse dagli studenti. (144)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini